Home > A proposito delle comunali a Procida: un po’ scherzando…

A proposito delle comunali a Procida: un po’ scherzando…

di Giovanni Romeo

Leggendo i commenti alle comunali procidane, mi sono ricordato di una rubrica di satira politica che faceva furore alla fine degli anni Ottanta. La pubblicava un settimanale celebre, Cuore. Si chiamava Parla come mangi, ne era autore un bravissimo giornalista, Piergiorgio Paterlini, e traduceva in poche, secche parole le dichiarazioni dei politici nazionali. Che c’entra con la Procida del 2010, dirà il lettore? C’entra, c’entra. Tra le tante cose pubblicate nei siti negli ultimi giorni, tutte più o meno ‘normali’, se si escludono forse gli incomprensibili toni apocalittici di un uomo onesto, ma politicamente debolissimo, come Michele Romano, prontamente strumentalizzati da uno scaltro (?) menestrello di regime come S. Cultrera, spicca di gran lunga l’ennesimo lunghissimo e livido commento scritto da un certo P. Lubrano, un ex bancario, a nome di uno sconosciuto gruppo politico, Riformisti per Procida, che ha aiutato Capezzuto a vincere. Siccome quasi nessuno supera le prime parole dei suoi testi e siccome li manda a un sacco di gente e per 5 anni potrebbe essere dura reggerlo, per aiutarlo a farsi capire, da oggi in avanti, tempo e pazienza permettendo, li riassumerò in poche righe, col sistema Paterlini: uso della prima persona e trasformazione di noiose tiritere in politichese in testi autobiografici sinceri fino alla crudeltà. La parola allora a P. L., secondo il metodo Parla come mangi:

“Non mi sembra vero che abbiamo vinto. Ma è ovvio che sarà l’ultima volta. Devo aggredirli ancora. Per 5 anni – se pure ci arriviamo, a 5 anni – posso ancora divertirmi, ma dopo? Meglio attaccare subito: con chi comincio? Con i medici: ci volevano fottere, ben gli sta. Ma non funziona, meglio lasciarli stare, non si sa mai… Forse mi conviene sparare su Dino Ambrosino: sarà lui il prossimo sindaco di Procida. Ma che gli dico? De Luca è crollato al 30,5% a Procida, come fa Ambrosino a negare le sue responsabilità? Perché non si iscrive al gruppo Riformisti per Procida? Siamo solo due, in tre ci faremo compagnia. In fondo a noi è andata bene: anziché stare all’opposizione per altri 5 anni, qualche posticino lo rimediamo…”

Giovanni Romeo

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *