Home > Abitanti di Ischia e Procida In piazza contro gli abbattimenti.

Abitanti di Ischia e Procida In piazza contro gli abbattimenti.

CONTRO L’ABBATTIMENTO DELLE PRIME CASE DI ABITAZIONE GIOVEDI’ 7 GENNAIO 2010 ORE 17 TUTTI IN PIAZZA SOTTO IL MUNICIPIO DI ISCHIA PER CHIEDERE SUBITO LA MODIFICA DEL TERZO CONDONO EDILIZIO!

di Gennaro Savio

Abitanti delle isole di Ischia e Procida, colpiti dalla tragedia sociale dell’abbattimento della prima e unica casa di abitazione o che per sensibilità e solidarietà umana e civile vogliono esprimere vicinanza e sostegno a coloro che stanno correndo il pericolo reale e immediato di rimanere senza casa, da oltre 60 anni lo Stato italiano, governato alternativamente a livello nazionale e locale dai partiti e dagli eletti del centrosinistra e centrodestra borghesi e capitalistici, ha tradito e calpestato la nostra Costituzione non garantendo a tutti i nuclei familiari il diritto a una casa propria e dignitosa.

Quando poi le famiglie che hanno potuto farlo, con sacrifici di vita disumani e indebitamento, avendo pure versato l’oblazione e gli oneri concessori previsti dalla legge del terzo condono edilizio, quello stesso Stato costituzionalmente inadempiente ha approvato un condono discriminatorio rispetto al primo e secondo che non consente di sanare l’abuso nelle aree sottoposte a vincolo paesistico e, di conseguenza, con decisioni autoritarie e repressive sta procedendo, con una violenza inaudita, all’abbattimento delle prime e uniche case di abitazione di tante povere e disperate famiglie.

E’ una repressione sociale disumana che non possiamo accettare, anche perché viene messa in atto da quello stesso potere politico e istituzionale che non ha voluto provvedere a garantire una casa a tutti gli italiani. Questo Stato e questo potere politico capitalistico, volutamente forti coi deboli e deboli coi forti, non sono entità astratte o irraggiungibili, ma sono tra noi e ci amministrano ed è da loro che abbiamo il diritto di pretendere il rispetto dei nostri bisogni sociali, a partire dalla disponibilità di una casa dignitosa.

Chiediamo ai sindaci, agli assessori, ai consiglieri comunali e ai loro partiti di maggioranza e di opposizione, che a ogni elezione ci vengono a sollecitare il voto, di chiedere e ottenere dal loro governo e dai loro partiti in parlamento di modificare immediatamente la legge del terzo condono edilizio, affinché nessun’altra prima e unica casa di abitazione venga abbattuta nelle due isole e sull’intero territorio nazionale.

Per la salvaguardia del diritto costituzionale alla casa, per un’esistenza umana, civile e dignitosa, per ottenere dal governo, dal parlamento e dai loro rappresentanti locali il rispetto del nostro diritto alla casa e per chiedere che vengano immediatamente fermate le ruspe che stanno letteralmente distruggendo, con spietata insensibilità umana e sociale, la vita di tanti uomini, donne e bambini, nessuno manchi alla giusta e legittima protesta popolare. Se i sindaci e le amministrazioni comunali non sono capaci di fermare questa autentica tragedia sociale allora si dimettano immediatamente e non vengano più a chiederci il voto.

GIOVEDI’ 7 GENNAIO 2010 DALLE ORE 17,00 TUTTI SOTTO IL MUNICIPIO DI ISCHIA, NESSUNO MANCHI!

IL COMITATO.

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *