Home > Al Ridotto del Mercadante in scena la Napoli del 1919 de "La Tentazione" di Sara Sole Notarbartolo

Al Ridotto del Mercadante in scena la Napoli del 1919 de "La Tentazione" di Sara Sole Notarbartolo

giulio-barbato-e-valentina-curatoli-in-la-tentazione-foto-giusva-cennamo-190×130.jpgAL RIDOTTO DEL MERCADANTE IN SCENA LA NAPOLI DEL 1919 DE “LA TENTAZIONE” DI SARA SOLE NOTARBARTOLO
Dal corpo di Assuntina spuntano fiori: al Ridotto del teatro Mercadante lo spettacolo di Sara Sole Notarbartolo

Giulio Barbato, Valentina Curatoli

(foto Giusva Cennamo)

NAPOLI – Preparatevi a conoscere i Mautone. Vi piaceranno o non vi piaceranno di certo non li dimenticherete. La famiglia Mautone è la protagonista dello spettacolo «La tentazione» in scena da giovedì 10 fino a domenica 20 dicembre al Ridotto del Teatro Mercadante. La pièce è scritta e diretta da Sara Sole Notarbartolo,regista napoletana che ha già vinto i Premi Scenario e Eti Nuove Creatività.
In scena Giulio Barbato, Claudio Javier Benegas, Pietro Botte, Nico Ciliberti, Valentina Curatoli, Patrizia Monti, Antonella Romano, Ramona Tripodi.

INTERNO DI FAMIGLIA 1919 – Siamo nel 1919, la prima guerra mondiale è finita e ancora se ne sente il peso, il fascismo è alle porte ma nessuno lo immagina ancora. E anche se tutto sembra prepararsi al peggio, nessuno vuole accorgersi di niente, neanche delle stranezze più evidenti, come una ragazzina che pubblicamente cade preda di polluzioni floreali. In questo clima è ambientato La Tentazione, storia della piccola Assuntina che fa la comunione tutte le mattine e non vede l’ora di prendere i voti. Assuntina vive con il fratellino Michele e la madre donna Lucia, rimasti soli dopo che tutti gli uomini della benestante famiglia sono rimasti vittime della guerra. I tre vivono ora circondati da parenti ex emigranti e da spasimanti della ricca vedova che, disperata, si barcamena nel tentativo di nascondere lo scandolo dell’incredibile “stato” della figlia, in balia di eruzioni floreali dal profumo inoccultabile.

TAVERNA EST – Le luci sono di Silvia D’Alesio e Paolo Petraroli; le musiche di Davide Della Monaca. Lo spettacolo è una produzione Taverna Est realizzata in collaborazione con Itinerarte e Teatro Stabile Napoli, con il sostegno dell’Eti – Ente Teatrale Italiano e del Festival Primavera dei Teatri.

COMUNICATO STAMPA

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *