Home > Ancora un messaggio intimidatorio dei bracconieri procidani

Ancora un messaggio intimidatorio dei bracconieri procidani

motorino-tortora.JPGLa testimonianza di Davide Zeccolella guardia della LIPU Procida oggetto per l’ennessima volta di un atto di intimidazione da parte dei bracconienieri isolani.  Un episodio che ci indigna molto e  che stigmatizziamo con forza questo gravissimo atto vandalico.

zoom-penne.JPG“La scorsa notte il mio motorino è stato vittima di atto vandalico, per fortuna questa volta i danni sono minori e si limitano al cavo del freno anteriore ed al cavo del contachilometri tranciati. Ancora danni dunque, i soliti “avvertimenti” o i soliti giochetti notturni di una banda residua che arruola certamente i rottami umani della società procidana, cervelli fulminati senza speranza di recupero che meriterebbero solo di riempire le patrie galere.
Stavolta la firma posta a chiusura del vandalismo è stata “originale”: un mucchio di penne e piume di un Tortora selvatica molto probabilmente sparata illegalmente un mese fa durante la migrazione da qualche sparafucile in mimetica, poi spennata sapientemente dalle mani di qualche mogliettina alle prese con i problemi e i complessi della menopausa.
Effettivamente un lavoretto patetico, di fronte al quale si ha soltanto un’ulteriore conferma del miserabile spessore morale e culturale di certa gentaglia”.

Davide Zeccolella

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *