Home > Comunicato Stampa La polizia minacca lo sgombero del Arpac. I cittadini non demordono e salgono sui balconi.

Comunicato Stampa La polizia minacca lo sgombero del Arpac. I cittadini non demordono e salgono sui balconi.

Il personale della Digos della Questura di Napoli ha  comunicato agli attivisti del Presidio permanente contro la discarica di Chiaiano e Marano che entro le 17 devono lasciare i locali occupati della sede dell’Agenzia Regionale per l’Ambiente della Campania, in Via Don Bosco a Napoli.

Da stamane infatti i cittadini di Chiaiano e Marano stanno occupando l’edificio chiedendo un incontro urgente con il neo presidente del Arpac Volpicella, il quale non vuole incontrare i cittadini se non autorizzato da Guido Bertolaso.

Ci chiediamo come sia possibile che l’Arpac possa prendere ordini diretti da quello che è l’organismo che in teoria dovrebbe controllare , ovvero il Commissariato Straordinario all’emergenza rifiuti. I cittadini chiedono
l’installazione di centraline per la verifica della salubrita’ dell’aria, l’analisi dell’asfalto impregnato di percolato delle vie in prossimita’ della discarica, ed
inoltre chiedono che siano resi pubblici i dati dei rilievi  fatti dal Arpac in prossimita’ della discarica.

I cittadini in occupazione hanno fatto sapere che non hanno nessuna intenzione di lasciare l’occupazione. Per le ore 17 è previsto l’intervento del reparto celere che è stato allertato dalla Digos e sta giungendo sul posto.
Ancora una volta siamo davanti alla vergogna di un governo che arriva a picchiare i cittadini sono perche’ lottano per la difesa della salute e dell’ambiente e chiedono che vengano fatti rilievi per garantire la salute e la sicurezza di centinaia di migliaia di cittadini.

Presidio permanente contro la discarica di Chiaiano e  Marano.
X info dall’occupazione Ivo Poggiani 3331494219

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *