Home > Condono edilizio: il Comune di Procida va avanti!

Condono edilizio: il Comune di Procida va avanti!

Queste le precisazioni dell’assessore all’edilizia e condono, Rachele Aiello, a margine del convegno pubblico organizzato dall’Osservatorio Civico.

Procida – Dopo il convegno pubblico organizzato dall’Osservatorio Civico lo scorso 6 novembre nell’Aula consiliare “V. Parascandola”e la perplessità espresse dal prof. Giovanni Romeo e dal consigliere comunale Dino Ambrosino in merito alla giustezza della procedura “semplificata” adottata dal Comune di Procida nell’esplicare le domande di “condono edilizio” (le dichiarazioni del prof. Romeo, dell’ing. Giancarlo Cosenza, del consigliere comunale Dino Ambrosino e del vice sindaco Luigi Muro sono visionabili sul sito internet www.procida.tv) abbiamo ascoltato l’assessore all’edilizia con delega al condono, Rachele Aiello, che ha tenuto a precisare quanto di seguito riportato. “Le domande di condono edilizio sono complessivamente n. 2906, di cui 1124 ai sensi della legge 47/85, n. 964 ai sensi della legge 724/94 e n. 818 ai sensi della legge 326/03. Il Comune di Procida ha siglato con la Soprintendenza B.A.P.P.S.A.E. di Napoli “Protocollo d’Intesa” teso a delineare, per linee generali, i criteri di valutazione della compatibilità paesaggistica degli interventi edilizi abusivi ai sensi della legge 47/85 e 724/94.

Dopo l’istruzione e integrazione e la successiva acquisizione dei “decreti paesistici”, alcune pratiche venivano trasmesse, per le verifiche di competenza, alla Soprintendenza la quale, tuttavia, dapprima le ha restituite a motivo di pretestuose carenze documentali e, poi, ha adottato la inapplicabilità del D.P.C.M. 12/12/05, così, di fatto, abiurando quanto in precedenza richiesto. Nelle more, la Regione Campania ha adottato la legge 10 del 18/12/04, il cui articolo 9, risultato indenne al successivo vaglio di costituzionalità della Corte Costituzionale, ha indotto una “procedura semplificata” per la definizione delle vecchie” pratiche di condono, presentate ai sensi della legge 47/85 e 724/94. Pertanto, al fine di una sollecita definizione delle pratiche relative ai primi due condoni, secondo i criteri prestabiliti dal citato art. 9 della suddetta Legge Regionale, l’Amministrazione Comunale, rassicurata, sul punto, anche dal previo parere legale reso dall’avv. D’Angiolella, con Delibera di G.M. n. 210/07 e n. 255/07, ha fissato le modalità operative ed i termini per il prosieguo della istruttoria delle pratiche di condono relative alle istanze presentate ai sensi delle leggi 47/85 e 724/94, mantenendo ferme, per il merito, le linee generali concordate con la Soprintendenza con il citato “Protocollo d’Intesa”.

Coerentemente con le previsioni dell’art. 9 della citata legge regionale 10/04, la “procedura semplificata non verrà applicata alle aree e, comunque, agli immobili sottoposti a “vincolo di inedificabilità ex art. 33 della legge 47/85. Pertanto, l’isola di Procida è assoggettata alle norme del P.T.P. risalente al 1971, che, tuttavia, salvo sporadiche eccezioni, non prevedono, in generale, zone di ineficabilità assoluta. Allo stato, l’apposito organismo istituito nell’ambito dell’U.T.C., ha istituito e definito, con il procedimento indicato, all’incirca n. 150 pratiche, per alcune delle quali ha fatto seguito la comunicazione, ad opera dei relativi intestatari, dell’inizio dei lavori di adeguamento al progetto di riqualificazione approvato contestualmente alla definizione della istanza.” Per quanto riguarda la presunta e paventata “inesistenza” dei titoli rilasciati in sanatoria, conclude l’assessore Rachele Aiello, si sono susseguiti una serie di provvedimenti da parte delle Autorità Giudiziarie competenti che confortano le procedure sin qui adottate. 

fonte: Il Golfo

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *