Home > Procida. Enzino, Pasqualina e il mito del Postino

Procida. Enzino, Pasqualina e il mito del Postino

Chi sceglie l’isola di Procida per un periodo di vacanze lo fa, in modo particolare, per godere del mare e del sole, e le voci che si sono susseguite in questi ultimi giorni circa una presunta non balneabilità di alcuni tratti di mare, per fortuna, si sono rilevate del tutto infondate anche se hanno provocato non pochi danni alle imprese del settore.
In effetti, proprio per elimirare ogni possibile dubbio o incertezza, il sindaco Lubrano si è rivolto alle autorità competenti chiedendo urgenti ed appositi controlli e l’Agenzia Regionale Protezione Ambientale Campania (ARPAC) in una nota del 9 luglio 2009 prot. 7345 acquisita al Protocollo Generale del Comune di Procida al n. 9136 (che tutti possono visionare), ha riportato che: “Dai risultati delle analisi risulta che tutti i parametri, per tutti i punti elencati, rientrano nei limiti di legge per la balneabilità delle acque.”
Con l’auspicio che l’argomento e l’allarmismo sia rientrato definitivamente, diamo una sguardo alla spiaggia del “pozzovecchio” che è senza dubbio tra quelle più frequentate dell’isola, in modo particolare da chi vuole trovare un pò di tranquillità sul telo o sotto l’ombrellone, anche se va detto che, dopo aver ospitato molte delle scene de “Il Postino”, film con il compianto Massimo Troisi che è diventato una vera e propria icona mondiale dell’intera nazione italiana, la inevitabile notorietà le ha tolto quel pizzico di mistero di una volta.
Qui, comunque, immerso in una natura ancora florida e ruspante, troviamo lo stabilimento della sig.ra Annamaria e del buon Enzino, quest’ultimo diventato oramai inseparabile dalla mascotte Pasqualina, il pappagallo più “chiacchierone” e fotografato dell’isola.
Inutile dire che, per i residenti e villeggianti che affollano la spiaggia, tra gli irrefrenabili Enzino e Pasqualina è un bel da fare ad ascoltare i racconti relativi ai tanti personaggi, Very Important People (Vip), che hanno frequentato, e frequentano, la spiaggia con tanto di foto ricordo, tutte rigorosamente affisse in bellavista nel piccolo ma attrezzato chioschetto.
Mare cristallino, servizio in spiaggia, simpatia, prezzi anticrisi (abbordabili, dice Pasqualina) e soprattutto la granita di limone artigianale, fatta con limoni di Procida seguendo una ricetta esclusiva della Sig.ra Annamaria, costituiscono il piatto forte di un angolo di Procida che è ancora rimasto semplice e tranquillo.
Da “Il Golfo”

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *