Home > Federazione dei Liberali: "La questione è la convivenza che vogliamo"

Federazione dei Liberali: "La questione è la convivenza che vogliamo"

Sarebbe assurdo tifare come allo stadio riguardo alla polemica scoppiata nel Popolo della Libertà sul dover fare o no una commissione parlamentare di inchiesta sulla pillola Ru486. Si deve essere ben consapevoli che non si tratta della squadra del cuore ma di quale tipo di convivenza si intenda avere.

Si vuole una convivenza tra diversi con uguali diritti di libertà oppure si vuole uno stato che stabilisce quale deve essere la
religione di ciascuno, quali le legittime scelte di vita, quali i comportamenti sessuali e quali le procedure procreative? I teo-con
hanno obiettivi molto chiari e spingono verso una società chiusa fatta di cittadini soggetti al conformismo comunitario e religioso nelle pratiche di vita, nelle preferenze sessuali , nelle scelte del proprio sistema procreativo.

Hanno i soliti obiettivi ma divengono più invasivi perché i fautori di una società aperta non hanno analoga determinazione. Invece di porre al centro del dibattito quale convivenza si voglia, continuano a tergiversare tra strumentali posizioni di schieramento e la ricerca di impossibili compromessi di principio, illudendosi che siano più comodi. Tra leggi che lascino al cittadino la libertà di scelta individuale e leggi che la impediscano, non vi può essere compromesso. La libertà secondo il quadro della Costituzione consente a ciascuno, credente o non credente, di adottare o meno a seconda delle proprie convinzioni i ritrovati tecnici, l’impedirla viola la Costituzione e obbliga ognuno a credere nelle scelte fatte per lui dai burocrati della comunità. Parlare di compromessi significa o non comprendere la posta in gioco o rassegnarsi ad aiutare l’illibertà.

Dunque, è un’esigenza di libertà dare un rilievo centrale al dibattito politico civile facendo attenzione agli attacchi sempre più profondi che i rappresentanti della società chiusa, teo-con e simili, portano alle nostre libere istituzioni. E’ l’unico metodo serio per respingerli e irrobustire la laicità istituzionale che è il miglior antidoto ai fondamentalismi.

COMUNICATO STAMPA
Federazione dei Liberali

9 agosto 2009

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *