Home > Forse è distratto ma le scrivo ugualmente Signor Presidente del Consiglio

Forse è distratto ma le scrivo ugualmente Signor Presidente del Consiglio

Tanto per cominciare signor Presidente del Consiglio un calcio in culo è un calcio in culo e se oggi hai voglia di dare un calcio in culo a chi sei convinto lo meriti, ebbè un motivo ci sarà e guarda caso il più delle volte è un motivo più che santo, ad esempio che ti hanno rotto davvero i maroni che manco il restauratore più raffinato è capace di rimetterli assieme.
Non sono d’accordo con i soliti cialtroni scribacchini o commentatori, insegnanti, maghi e guru del turismo italiano che parlano un tanto al chilo ed in più profumatamente pagati, tanti Tartarin di Tarascona che a forza di ripetere certe versioni immaginarie alla fine ci credono loro stessi.
Quelle stesse persone che per trent’anni ci hanno propinato migliaia di baggianate e contraddittorie con le più elementari forme di far turismo; i risultati parlano chiaro e mentre le altre nazioni si ingrassano alle nostre spalle a noi non resta che una soluzione: un bel calcio in quel culo grasso e flaccido e fuori dalle palle.
Finalmente!
Se tutti quelli che volessero dare un calcio in culo a chi scassa gli zebedei impunemente e finalmente lo facessero, questo paese sarebbe un paese migliore o quantomeno con meno raccomandati che camminano diritti e sarebbe già un buon risultato.
E a proposito anch’io avrei voglia di dare un bel calcio in culo a molti, anzi a quasi tutti, di queste/i signore/i che per decadi ci hanno preso per i fondelli, che ci decantano tanto la meritocrazia ed invece, ma guarda un po’, ci sono sempre loro, democratici dei miei stivali.
Fuori dai maroni.
Lei dorme ma il turismo è la base per la ripresa della nazione (cosa aspetta che esca il petrolio?), e se non se li toglie dalle balle a noi ci vorranno più anni per uscire dalla crisi del turismo.
Il doppio.
Tutto questo mentre 150.000 dipendenti se ne stanno a casa e 13.000 aziende turistiche stanno fallendo.
Si svegli signor Presidente, non continui a dormire e cominci a prenderli a calci nel culo; se poi dovesse stancarsi, io porto il 46 di scarpe!
Distinti saluti

Luciano Ardoino
Fonte: http://tuttosbagliatotuttodarifare.blogspot.com/

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *