Home > Il “caso” Ciotola passa anche per Procida.

Il “caso” Ciotola passa anche per Procida.

Riceviamo e pubblichiamo una nota di Fabrizio Borgogna sulla vicenda Ciotola che, dopo il servizio de “Le Iene” ha lasciato di pietra tutti coloro che hanno avuto modo di seguire il suo percorso in questi anni.
“Sul sito dell’amico Raffaele Iovine ho appreso del servizio mandato in onda dalla trasmissione ”Le Iene” sulla presunta truffa messa in atto dai genitori di Adelaide Ciotola, bambina napoletana affetta, pare (a questo punto), da una grave malattia.
La notizia mi ha lasciato senza parole, per non dire impietrito.[youtube isy7_YfOjVc] Chi ricorderà, il sottoscritto organizzò con la Pro Loco un incontro tra la piccola Adelaide Ciotola e gli alunni della Scuola Media locale nel mese di gennaio 2008 al quale intervenne anche l’ex calciatore Pino Taglialatela. Fine dell’incontro era di mettere in risalto il modo di vivere di una loro coetanea rispetto ai vizi a cui sono abituati i bambini di oggi. Inutile ricordare che la bambina lasciò tutti di stucco: alunni, insegnanti, genitori, pubblico in genere. Adelaide rispondeva alle domande del prof. Domenico Ambrosino, conduttore dell’evento, con una maturità ed una sicurezza che andava oltre i suoi 9 anni. Da questa iniziativa partì il battage mediatico di Adelaide e la mamma. Infatti, credendo di fare cosa buona, coinvolsi nell’iniziativa numerosi operatori della comunicazione che diffusero la storia della bambina ad ampio raggio sino a raggiungere le reti nazionali. Fui contattato da numerose tv ed enti assistenziali che mi chiesero notizie, dati e recapiti telefonici della famiglia, per offrire un loro sostegno. Per tutto questo mi sento triste e, forse, un po colpevole di quanti dopo ci sono caduti alle parole della famiglia. E ignobile, se è vero che si tratta di una truffa (il se è d’obbligo sino alla fine delle indagini) approfittare dei problemi di salute o addirittura inventarli per lucrare sulla buona fede della gente. Significa non avere rispetto della vita e di chi vive seriamente gravi problemi di salute. Con il cuore mi auguro che tutto ciò non sia vero e, quanto prima, chiamerò? la mamma per avere lumi sulla vicenda. Al momento non so? veramente cosa dire se non che mi dispiace per tanti che come me hanno creduto e sostenuto per come potevano la famiglia di Adelaide.
Sperando ancora che il tutto non sia vero, o che almeno la bambina sia anche lei un?innocente vittima dei genitori, avendo io preso molto a cuore il caso sin dal primo momento, ho informato, nel frattempo, la Procura, tramite il mio legale, che sono a disposizione per ogni tipo di collaborazione per quel poco che ho conosciuto Adelaide & family per far luce prima possibile su questa vicenda.”

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *