Home > Il Comitato interisolano per la mobilità scrive ai Sindaci di Capri, Ischia e Procida.

Il Comitato interisolano per la mobilità scrive ai Sindaci di Capri, Ischia e Procida.

La ormai nota scelta governativa di mettere in vendita, “ in un’unica offerta”, la Tirrenia S.pA e tutte le sue consociate regionali sta creando preoccupanti momenti di riflessione da parte dei cittadini delle isole che con la Società Caremar hanno vissuto una stagione di tranquillità e regolarità per aver saputo, la detta società, garantire in tanti anni di presenza nel Golfo di Napoli servizi efficienti e di qualità, con prezzi rigorosamente controllati.
Caduta la iniziale iniziativa da parte del Governo Nazionale di trasferire patrimonio e linee marittime di dette consociate alle Regioni che ne avessero fatto richiesta ( e la nostra Campania, sia pure con dei distinguo, non si è tirata indietro ! ), si fa sempre più consistente la eventualità di un rafforzamento della presenza dei privati, già invadenti e monopolistici, che annetterebbero tutti i servizi Caremar pur in presenza di un indirizzo ben preciso del Consiglio Regionale circa la costituzione della CO.RE.MA. – Compagnia Regionale Marittima – a cui il Bilancio Regionale 2009 ha destinato un finanziamento ad hoc, sia pure per le spese iniziali.
La scadenza del 31 dicembre’09 è ormai sempre più vicina ed il trascorrere del tempo senza una tempestiva e significativa iniziativa regionale sicuramente non promette niente di buono per gl’isolani ed i lavoratori pendolari, per la continuità territoriale, per la economia delle isole.
In detto contesto si muove l’azione politica del Comitato, in calce rappresentato, che nella sua ultima riunione del 26 aprile ha deciso di mantenere viva l’attenzione dei cittadini delle tre isole informandoli passo passo sugli scenari che si andranno a determinare nei prossimi giorni qualora l’attuale stasi istituzionale dovesse protrarsi ancora.
Tanto premesso i sottoscritti, su espresso mandato del Comitato, chiedono alla SV un incontro in sede comunale al fine di verificare lo stato dell’arte e di raccordare in un unico disegno interisolano la strategia più opportuna per aprire un confronto aperto con l’esecutivo regionale.
Per economia di intervento ed al fine di una comune e maggiore condivisione delle azioni che istituzionalmente vorrà prendere insieme agli altri Sindaci, sarebbe molto gradito oltre che utile organizzare, in tempi brevi, il richiesto incontro. Con vivi ringraziamenti

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *