Home > Il nuovo regolamento del Regno di Nettuno. La lettera di un pescasub residente

Il nuovo regolamento del Regno di Nettuno. La lettera di un pescasub residente

Salve a tutti!! Non so se sia sfuggito a tutti, o non sia stato pubblicato…Ma il 27 agosto è uscito sulla Gazzetta Ufficiale il nuovo regolamento del Regno di Ness…Ops Nettuno : )
Qui il link al regolamento: http://www.legapesca.coop/Documenti/Regolamento%20AMP%20Regno%20Nettuno%202009.pdf

Come tutti noi pescasub residenti ci aspettavamo, siamo stati fatti fuori dalla zona C (Dove si possono stendere lo stesso Km di reti eh!!!). Stavolta il regolamento lo hanno fatto chiaro, e non lascia spazio a dubbi: “La pesca subacquea in apnea è vietata nell’area protetta.”
Naturalmente, stendiamo un velo pietoso sugli scandali che hanno coinvolto il nostro mare, qui l’importante è bandire noi dalla zona C, questo è palese!
Per favore, leggete l’articolo 22 che regola la pesca professionale, e gustate i km di reti che possono essere stesi dalla “Piccola pesca professionale”….
Per quando riguarda la pesca sportiva, è tutto autorizzato, previo versamento di soldini nelle casse dell’ente gestore…Eh si sennò che si fa a fare un’AMP? Che lo facciamo per la patria? : )

Ma siete proprio convinti che la pesca a strascico abbia meno impatto della pescasub in apnea? Io nutro giusto qualche dubbio…
Ma cosa si protegge nelle AMP in Italia? L’ambiente o la categoria dei pescatori professionisti che può continuare a fare quello che ha sempre fatto?

Potrei andare avanti per ore e ore, ma oramai la nausea mi mi attanaglia, e non mi va proprio di scrivere più nulla.
Spero solo, che il precedente dell’AMP della Maddalena, dove i residenti possono da sempre pescare in zona C, ci aiuti in questa nuova lotta!

Davide D’Antonio.

fonte: www.ischiablog.it

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *