Home > Insieme per Procida: interrogazione su attività di rimessaggio imbarcazioni sull’isola

Insieme per Procida: interrogazione su attività di rimessaggio imbarcazioni sull’isola

di Dino Ambrosino – Il Gruppo Insieme per Procida ha presentato un’interrogazione in Consiglio Comunale in merito alle attività di rimessaggio di imbarcazioni sull’isola. Il sequestro dei cantieri di Marina Grande e la denuncia dei responsabili dei capannoni di Marina Chiaiolella da parte dell’Autorità Giudiziaria impogono agli Amministratori di Procida una seria assunzione di responsabilità.

Oggetto: interrogazione a risposta orale in Consiglio Comunale in merito
alle attività di rimessaggio imbarcazioni sull’isola di Procida.

Da informazioni assunte dagli organi di stampa ci risulta che nel mese di Aprile u.s. i Carabinieri di Procida, supportati dai colleghi del Nucleo Operativo Ecologico, hanno sequestrato i cantieri navali di Marina Grande a causa delle irregolarità riscontrate nello smaltimento dei rifiuti speciali. Ci risulta inoltre che anche nell’area di Marina Chiaiolella ci sono stati controlli e verifiche finalizzati a contrastare il rimessaggio abusivo di imbarcazioni.
Ritenuto che la tutela dell’ambiente è oggi una priorità per tutte le Amministrazioni Pubbliche;
verificato che sull’isola i cantieri navali della zona di Marina Grande, nonostante tutto, sono le uniche aree attrezzate e deputate al rimessaggio delle imbarcazioni, che impiegano un discreto numero di lavoratori specializzati;
considerato che l’azione di controllo e repressione dei Carabinieri impone un’assunzione di responsabilità al fine di prevenire e scongiurare le attività nocive per l’ambiente;
al fine di scoraggiare le attività di rimessaggio improvvisate che possono arrecare seri rischi (sanitari e legali) soprattutto a chi le mette in opera;
nella necessità di concretizzare uno stato di diritto e non uno stato clientelare basato sull’abusivismo, che comunque prima o poi, ricade sugli imprenditori e sui cittadini;

si INTERROGA per conoscere

in quale modo l’Amministrazione intende intervenire per favorire la riapertura dei cantieri navali di Marina Grande, atteso che gli stessi, tra diretto e indotto, occupano un discreto numero di lavoratori;
in quale modo l’Amministrazione ha intenzione di intervenire a Marina Chiaiolella per portare ordine e legalità in un comparto dove non si può lasciare spazio all’improvvisazione per i rischi che corrono sia gli operatori che la comunità tutta.

Procida, 19 maggio 2010.
Gruppo Insieme per Procida

Dino Ambrosino

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *