Home > La Corte di Giustizia europea condanna l’Italia sul CDR

La Corte di Giustizia europea condanna l’Italia sul CDR

Monica Frassoni, presidente del gruppo Verdi/ALE al Parlamento europeo, ha così commentato la sentenza della Corte di Giustizia europea che condanna l’Italia per non aver fatto rientrare il combustibile da rifiuti (CDR) tra i rifiuti:

“Si tratta di un’altra sentenza attesa da tempo sul fronte che oppone l’Italia al diritto comunitario per quanto concerne la definizione di varie categori di rifiuti. Già l’anno scorso il nostro paese era stato condannato per non aver fatto rientrare, nell’ambito della normativa nazionale, le terre da scavo tra i rifiuti.

La sentenza dello scorso 22 dicembre è importante e avrà conseguenze anche sulla gestione della crisi dei rifiuti, poiché anche il cosiddetto CDR di qualità non potrà più essere fatto passare come merce o prodotto e gli inceneritori che lo bruceranno, come quello previsto ad Acerra, non potranno spacciarsi per impianti di produzione di energia qualsiasi, bensì come inceneritori di rifiuti e, come tali, assoggettati alle normative di cui alla nuova direttiva quadro sui rifiuti.” Il testo della sentenza è consultabile QUI

www.chiaianodiscarica.it

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *