Home > La Napoli che vogliAmo

La Napoli che vogliAmo

Come cittadini napoletani siamo abituati da anni, forse da sempre, ad esprimere il nostro parere su come dovrebbe essere amministrata questa città esclusivamente nel giorno delle elezioni.

Un parere che di fatto non si è mai rivelato vincolante, poiché chi ha governato a Napoli ha sempre perseguito interessi propri, di qualche gruppo economico o di una o più fazioni politiche.
Ci siamo rassegnati a questo stato di cose, consentendo ai politici di turno di ritagliarsi il proprio spazio di potere, senza dover dar conto ai cittadini delle loro decisioni e soprattutto dei loro errori.

Con gli anni si è sempre più diffusa la convinzione che, per qualche inspiegabile motivo, noi napoletani fossimo destinati ad una sorta di “sopravvivenza”, ossia a convivere con uno stato di disagio quotidiano, rinunciando alla speranza di abitare in una città meravigliosa, sottovalutando in questo modo le qualità della nostra gente e mortificando l’orgoglio di appartenere a questa terra.

 L’informazione ufficiale, purtroppo, spesso ha assecondato la “casta” politica che ha governato di volta in volta la città e, con il suo silenzio colpevole, ha finito con l’aiutarla a perseguire i propri obiettivi a discapito dell’interesse della collettività.

Un’inversione di rotta oggi non solo è necessaria, ma è anche possibile.

Sta a noi cittadini realizzarla, provando tutti insieme a progettare e costruire la Napoli del futuro, “la Napoli che vogliamo”.
Internet, questo grande strumento non ancora sfruttato appieno in Italia, ci offre la possibilità di metterci in “rete”, di scambiarci informazioni senza filtri, di conoscere degli esempi concreti di “buona amministrazione” che già esistono in altre città italiane ed estere.

Ed è appunto questo che il Meetup Napoli ha fatto in oltre 3 anni di attività: mettere in collegamento dei semplici cittadini, al di là ideologie, e farli incontrare con lo scopo di realizzare dei progetti condivisi, tutti finalizzati al miglioramento della città in cui viviamo.
Il nostro invito è, quindi, di provare a fare tutti insieme un passo, o forse un balzo, in avanti: progettiamo concretamente nei prossimi mesi “la Napoli che vogliamo”, una Napoli che, partendo dalle persone e dal recupero della propria storia, sappia trovare la strada di un futuro che vogliamo vivere e non più solo sognare, un futuro che abbia le sue basi nel rispetto dell’ambiente, nella riduzione dei consumi, nello sfruttamento delle risorse rinnovabili e pulite, nel recupero di parole come “etica” e “bene comune”.

In questo percorso, partendo da principi condivisi, speriamo di coinvolgere chi, come noi, vuole uscire da questa palude, chi ha ancora la voglia di esserci e di non rinchiudersi nelle proprie quattro mura. Ci sono già tanti cittadini napoletani che si impegnano per la realizzazione di progetti ed iniziative volti al miglioramento della nostra città.

E’ arrivato il momento di unirci tutti, andando oltre il raggiungimento dei singoli obiettivi ed elaborando un progetto organico che abbracci la città nella sua interezza e che sia, allo stesso tempo, concreto e realizzabile.

A costo zero, con semplici gesti quotidiani e piccoli sforzi, con l’impegno, la passione e l’entusiasmo di ciascuno, che sommati diventano energia inarrestabile, possiamo ottenere grandi risultati migliorando da subito la qualità della nostra vita.

Non sappiamo ancora dove possiamo arrivare, il percorso lo tracceremo insieme, insieme decideremo obiettivi, metodi e strategie, insieme affronteremo e supereremo le difficoltà.

La “folle” proposta, quindi, che vogliamo lanciare è questa:
incontriamoci e progettiamo insieme quello che vorremmo vedere realizzato in questa città da una nuova amministrazione ma soprattutto da una cittadinanza rinnovata, che sia propositiva, partecipe e più attiva, anche nel controllare l’operato dei propri amministratori, in modo da fare rispettare il nostro volere e mai più far violare quell’intoccabile diritto ad una vita serena per noi stessi, per i nostri figli e per la nostra città.

ABBIAMO BISOGNO DI NOI

[youtube 6pzVODh1JHU]

www.lanapolichevogliamo.it

 

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *