Home > L’Amministrazione Scotto 1989-1992, una realtà che le chiacchiere non cancellano. Il dissesto finanziario '91. Ecco come e perchè.

L’Amministrazione Scotto 1989-1992, una realtà che le chiacchiere non cancellano. Il dissesto finanziario '91. Ecco come e perchè.

Riceviamo da Pasquale Lubrano de “I Riformisti per Procida” un documento lungo e coplesso che  che ricostruisce la fase politica vissuta dall’isola tra il 1989 e 1992 durante l’amministrazione di Aniello Scotto. Vi proponiamo la prima parte che fa da premessa all’intero testo, che vi alleghiamo a margine in versione sintetica e integrale. Buona lettura e riflessione.

L’AMMINISTRAZIONE SCOTTO 1989-1992, UNA REALTA CHE LE CHIACCHIERE NON CANCELLANO: IL DISSESTO FINANZIARIO 1991, ECCO COME E PERCHE’.

PREMESSALa situazione finanziaria del Comune ha trovato riferimenti nei programmi delle liste in competizione. Com’è noto uno dei programmi elettorali che vorrebbero essere innovativi, quello della lista che candida a sindaco Aniello Scotto, oltre a non dire assolutamente nulla per ciò che propone per il futuro, cerca di far leva su mirabilie di quanto questi dice di aver fatto nel passato da Sindaco.

Per questo il problema della sua passata gestione diventa importante ricordarlo affinché l’elettore non sia tratto in inganno e non abbiano più a ripetere quelle gravi situazioni di sfascio e di tasse pesanti a carico dei cittadini.

Dagli scritti trapela questa volontà e si sente sussurrare in giro di futuri presagi commissariali.

Invece di guardare avanti, guarda all’indietro e per giunta dice cose non vere.

Nessun riscontro è venuto alla mia proposta a tenere un pubblico confronto, al solo fine di confrontare i racconti orali con la documentazione e far conoscere la verità, un valore morale per il quale non sembra che “ Insieme per Procida” abbia in particolare simpatia.

Per non turbare il loro spargimento di coriandoli elettorali, mi ero dichiarato a tenere il confronto finanche a porte chiuse con la presenza dei suoi candidati e supporter. Nemmeno questo. E, certamente, non depone a favore di quei galantuomini, messi in lista per portar credito e voti con la loro presenza, se anch’essi rinunciano ad approfondire i fatti per dar credito al Capo, con un atto di fede.

E’ stato sempre chiaro a chi li conosce cosa intendessero per trasparenza, partecipazione, e parole simili di pura circostanza, anche quando sono andati a scomodare l’ONU con la bufala dell’Agenda 21.

L’ex sindaco Aniello Scotto ha preferito rispondere alla proposta di pubblico confronto, aggravando le bugie, con un soliloquio su un blog di comodo, dove peraltro fino a qualche mese fa il gestore e altri filosofi moralisti a tempo perso, magari qualcuno pure plurinquisto, spaccavano il capello in quattro per inquadrare la morale del futuro candidato sindaco, per poi finire come sono finiti. Peraltro il blog ha evidenziato la faziosità con cui inserisce le notizie, facendo il paio con qualche altro simile, tanto da divenire un blog di partito e di censura verso gli altri, sempre in nome della trasparenza, naturalmente.

Tanto premesso, visto che la proposta di pubblico confronto non è stata accolta, ritengo opportuno nell’interesse collettivo, far parlare gli atti, i fatti. Poi ognuno sceglierà i valori morali da perseguire

Trattandosi di una montagna di documenti, in questa sede richiamo ed esemplifico per ovvie ragioni tecniche e di spazio. Chiunque può verificare in proprio, presso il Comune, quelli originali completi e comunque resto a disposizione per chiarimenti e consultazione di quelli integrali.

Il documento è suddiviso nelle seguenti parti:

1) 1989-1992: FU DISSESTO NON RISANAMENTO

2) ANIELLO SCOTTO NON SALVO’ GLI IMMOBILI DEL COMUNE. CERCO’ PER PRIMO DI VENDERLI

3) AVEVA POSSIBILITA’ DI EVITARE IL DISSESTO: NON VOLLE

4) IL LASCITO DEL TESORETTO MAI ESISTITO

5) IL PERCHE’ DEL RICORSO AL DISSESTO

6) I DEBITI CHE TROVO’, QUELLI CHE LASCIO’

SCARICA IL DOCUMENTO :  dissesto-1991.pdf

l documento è completo di allegati: Scarica il PDF (8,92MB)

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *