Home > "Leggere la Bibbia" attraverso tanti sguardi diversi. Su Radio 3, un'iniziativa di "Uomini e Profeti"

"Leggere la Bibbia" attraverso tanti sguardi diversi. Su Radio 3, un'iniziativa di "Uomini e Profeti"

Una lettura storica e spirituale dei libri biblici, dalla Genesi fino all’Apocalisse, con una plurali voci e di interpretazioni, di opzioni culturali e religiose a confronto. E l’obiettivo di un nuovo spazio radiofonico che ha preso avvio il 17 gennaio su Radio3, tutte le domeniche alle ore 9,30- frequenza 93.35.Uno spazio all’interno di “Uomini e profeti”, lo storico programma dedicato all’approfondimento delle realtà e delle tematiche religiose ideato e condotto da Gabriella Caramore.Se nel consueto appuntamento del sabato “Uomini e profeti” continuerà l’indagine delle tematiche religiose più legate alla dimensione dell’attualità, alla lettura di testi di spiritualità, il nuovo spazio, la domenica mattina alle 10, cercherà invece ­di fornire al pubblico radiofonico, ma anche a insegnanti, gruppi di lettura biblica o a chiunque sia desideroso di conoscere il testo biblico, alcuni chiarimenti sulla formazione del testo biblico e sulle infinite interpretazioni cui ha dato luogo. Il tutto con una particolare attenzione all’esigenza culturale, prima ancora che religiosa. Nello stesso tempo, il nuovo appuntamento domenicale cercherà anche di far comprendere come mai è stato intorno a questo libro, e non a un altro, che si è aggregata l’identità di un popolo, da cui sono scaturite diverse tradizioni religiose.

Proprio per dar conto di quella complessità che le interpretazioni fondamentaliste e tradizionaliste non restituiscono, i libri della Bibbia verranno letti e commentati da diverse voci: ebraiche, cattoliche, protestanti, ortodosse, musulmane anche laiche. Tra i commentatori, il priore di Bose Enzo Bianchi (che fornirà anche una introduzione alla Bibbia), il rabbino Benedetto Carucci Viterbi, lo studioso di ebraismo Piero Stefani, il decano della Facoltà valdese di Teologia Daniele Garrone, i filosofi Massimo Cacciati e Salvatore Natoli, la teologa cattolica Marinella Perroni, il teologo valdese  Ricca, l’orientalista Alberto Ventura e molti altri, tra cui anche biblisti provenienti da aree culturali lontane dall’Europa, come Cina o India.

Il 17 gennaio, alle 9.30, per l’avvio della rubrica, con la Caramore erano presenti, in diretta dagli studi di via Asiago in Roma Enzo Bianchi, il rabbino Carucci Viterbi, Daniele Garrone, Marinella Perroni, Moni Ovadia, Paolo Ricca. A Gabriella Caramore Adista ha rivolto alcune domande sul senso dell’iniziativa.

L’iniziativa di “Uomini e Profeti” non vuole sostituirsi a nessuno, né competere con nessuno. Piuttosto, interpretando il ruolo di servizio pubblico di Radio Rai, l’idea è quella di fornire a tutti una possibilità di approccio al testo biblico, facendone certamente cogliere la bellezza e ricchezza dei testi — funzione della radio è anche questa —, ma soprat­tutto fornendo un orientamento critico per chi abbia curiosità di capire come e dove sono nati i testi che compongono la Bibbia, quale storia hanno voluto rappresentare, chi sono gli autori, a quali avvenimenti storici si riferiscono quando scri­vono, quale storicità hanno alcune figure o alcuni eventi e che cosa ha voluto evidenziare chi li ha narrati. In Italia, lo sappia­mo, esiste un vuoto culturale intorno alla Bibbia, che favori­sce sia una religiosità superficiale ,’talvolta ancora superstizio­sa, paganeggiante, talaltra facilmente manovrabile in senso fondamentalista), sia una avversione acritica e rozza al fatto religioso. Conoscere la Bibbia penso che possa anche aiutare a capire meglio non solo la nostra cultura, ma il significato e le ragioni del formarsi di quel singolare fenomeno che è stato, e continua ad essere, l’esperienza di raccogliersi intorno a un’idea di Dio, di mettersi in ascolto della sua parola, di sen­tirsi da quel Dio guidati e amati.

Innanzitutto va detto che ci faremo guidare, nella conoscenza della Bibbia, da chi la conosce e la studia, da chi ne ha scrutato i segreti, da chi ne ha fatto l’oggetto della ricerca della sua vita. Stiamo contattando vari biblisti italiani e anche stranieri, che stanno tutti aderendo con entusiasmo all’iniziativa e che metteranno il loro sapere a disposizione degli ascoltatori di Radio3. Ma è vero che la Bibbia consente innanzitutto una esplorazione plurale, in primo luogo ché intorno a questo testo non una sola fede si è raggruppata, ma più d’una, e poi perché, anche all’interno di ebraismo, cristianesimo, islam, infinite sono state le vie di interpretazione e di commento. Per questo vorremmo che fossero ebrei, cattolici, ortodossi, musulmani, protestanti, a darci la loro lettura di passi della Bibbia. Naturalmente penso anche che chiunque abbia desiderio di porsi in maniera interrogante di fronte al testo ha il diritto di offrirci la sua lettura, le sue domande, le sue interpretazioni. La fede nel Dio biblico è una fede che esige libertà ben più che dottrina. Penso a figure come Barbara Spinelli, Gustavo Zagrebelsky, Massimo Cacciari, Salvatore Natoli, e altri. Ci aspettiamo una apertura di sguardo dal loro commento.

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *