Home > Procida. “NO” vince “Morante Ragazzi 2010”

Procida. “NO” vince “Morante Ragazzi 2010”

Così come previsto alla vigilia, pienone e gran bella giornata di festa nella sala newton a Città della Scienza lo scorso 21 maggio in occasione della cerimonia di premiazione del “Morante Ragazzi 2010”, con una giuria popolare composta da oltre 1.000 studenti campani, tra questi anche alunni provenienti dall’Istituto Superiore “F. Caracciolo-G. da Procida” di Procida, che in queste ultime settimane hanno letto i tre testi vincitori designati dalla giuria tecnica presieduta da Dacia Maraini e composta da Andrea Camilleri, Francesco Cevasco, Enzo Colimoro, Maurizio Costanzo, Chiara Gamberale, Emanuele Trevi, Teresa Triscari e Tjuna Notarbartolo.
Accoglienza a sorpresa per i ragazzi con l’esibizione artistico-acrobatica dell’argentino Claudio Javier Benegas unitamente alla musica fresca e spumeggiante del cantautore rilevazione degli ultimi anni, Giovanni Block, vincitore di Musicacultura 2009.
A raccogliere il maggior consenso tra i giovani giurati è stata Paola Capriolo con “NO” (edizioni El), un libro che parla della vicenda di Rosa Parks, e di come il suo NO abbia cambiato il corso della storia dando inizio alle lotte dei neri per la rivendicazione dei propri diritti. A seguire “Pianoforte” di Patrizia Rinaldi (Sinnos editore) nel quale, come sottolinea l’autrice: “Ho cercato di raccontare i sentimenti che curano l’amicizia, lo slancio di vita che ci fa ricominciare dopo i crolli, l’insegnamento che danno i ragazzi e l’esercizio difficile della speranza. Chiude “L’eco della frottola” scritto dal giornalista Fabrizio Gatti (Rizzoli editore) il quale, parlando del suo libro dice che: “L’eco della frottola è la storia di un giornalista obbligato a dare una notizia che il suo capo crede vera, ma che è drammaticamente falsa. E quando, preso da un sussulto di dignità, il giornalista indaga e racconta la spaventosa verità, il pubblico ride di gusto. Con un finale a sorpresa. Quel pubblico siamo noi, grandi e piccoli lettori, disposti a farci prendere in giro pur di non affrontare la paura della verità.”
Nel corso della manifestazione è stato anche consegnato dal magistrato Raffaele Cantone il “Premio Speciale Nisida-Roberto Dinacci” a Mario Gelardi curatore del libro “La Ferita” (edito da “Ad est dell’equatore”), antologia di racconti dedicati alle vittime innocenti della camorra, così come un Premio Speciale è stato assegnato alla Fondazione Banco di Napoli per l’assistenza all’infanzia, per la pubblicazione de “Il cielo stellato sopra di me” di Olimpia Amendola, e “I consigli di Fidelio e Fidelia” a cura del Comando Provinciale dei Carabinieri di Napoli.
A termine dell’evento, soddisfazione è stata espressa dal direttore organizzativo Tjiuna Notarbartolo per la partecipazione dei ragazzi e la qualità dei libri in concorso anche se non ha potuto fare a meno di sottolineare l’assenza pressoché totale dei rappresentanti delle Istituzioni.
Ci piace sottolineare, infine, l’organizzazione targata Procida a partire dal direttore Tijuna Notarbartolo, al coordinatore scuole Luca Maiorano, al coordinamento e comunicazione affidato alle simpatiche e brave gemelle Iki e Gilda Notarbartolo, unitamente a Francesco Scotto tecnico del suono. Prosit!

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *