Home > Procida Blogolandia e Grillo168 – Noi: i cittadini

Procida Blogolandia e Grillo168 – Noi: i cittadini

[youtube -FzSoZG6DBQ]

Perché creare un movimento? Semplice! Perché c’è già! Ci sono milioni di persone scese in piazza, se vi ricordate, coi due V-day. Il primo per avere il Parlamento pulito e il secondo per la libera informazione. Milioni di persone che sono scese in piazza da tutte le parti. In piazza Farnese, assieme ai familiari delle vittime della mafia, in Piazza Dante a Napoli contro l’immondizia in Campania. Cittadini che hanno prodotto, attraverso i meetup locali, le Liste Civiche a Cinque Stelle. Quindi una quarantina di cittadini informati ce li troviamo in trenta comuni di città molto importanti come Bologna, Reggio Emilia, Treviso, Ancona, Livorno.
Sono centinaia di migliaia di cittadini italiani che hanno fatto un forum e hanno lavorato otto mesi per fare le primarie dei cittadini, se vi ricordate. Hanno lavorato sull’economia, sull’energia, sulla sanità. E poi abbiamo portato queste primarie a Prodi, che le ha messe immediatamente in un cassetto.
I partiti non ci sono più, sono come Wile E. Coyote, li avete visti. Per farli crollare basta dire loro di guardar giù. Infatti, Wile E. Coyote appena si accorge di essere sospeso nel vuoto, precipita. Come sono precipitate tutte queste macchiette. Da Topo Gigio Veltroni allo psiconano. Sono macchiette, sono cartoni animati. Dallo smemorato di Collegno, Mancino, fino al nostro Presidente della Repubblica, Morfeo.
Il ministro Tremorti sta raschiando il barile, non sa più cosa fare. Si sta appropriando perfino dei lingotti d’oro della Banca d’Italia. Sembra il Duce in fuga col tesoro di Dongo.
A settembre gli operai usciranno dalle fabbriche. chi li accoglierà? La polizia anti-sommossa!
Il debito pubblico è una voragine. Aumenta di 18-20 miliardi di euro al mese. Questo Stato è fallito, è in default completo. Basta una minaccia di Totò Riina e la minaccia di fare un partito del Sud e subito vengono elargiti quattro miliardi di euro alla Sicilia, quando in Abruzzo i terremotati sono ancora sotto le tende.
Il movimento è la voce di milioni di persone che non hanno voce nei telegiornali e in televisione, ma che saranno la voce dell’Italia di domani. L’Italia di persone oneste, trasparenti, pulite, che non vogliono centrali nucleari, inceneritori, discariche con rifiuti tossico-nocivi. Un’Italia di persone per bene. Ci sono le persone per bene! Che non vogliono il potere fine a se stesso. Ma che vogliono darsi da fare per cambiare questo stato di cose. Gente che continua a vedere stragi di Stato, come quella di Bologna, sotto segreto di Stato. E se c’è ancora il segreto di Stato, significa che lo Stato è il mandante.
Io voglio vedere persone che governano questo Paese divertenti. Persone che sappiano ridere, giocare coi figli, andare fuori e fare la spesa. Non gente protetta da guardie del corpo, Esercito e Polizia antisommossa.
Io voglio vedere un Paese dove, se uno grida la verità e la dice, non si deve vedere la Polizia entrare in casa alle sei e mezza del mattino perché in una trasmissione televisiva hai fatto delle domande al nostro dipendente avvocato Pecorella, sul perché ha difeso un mafioso assassino, assassino di Don Diana.
Io voglio che chi vuol partecipare in prima persona alla costruzione del suo futuro abbia la possibilità. Entrare nei consigli comunali per decidere sul suo territorio, sulla qualità dell’ambiente, della sua vita, dell’aria e dell’acqua. Un Paese dove i referendum non si mettano nei cassetti, come le leggi popolari, che restano scritte solo sulla carta.
Un Paese dove viviamo adesso che è senza opposizione, dove il Parlamento è esautorato. Dove chi governa sono due comitati d’affari: il PDL e il PDmenoelle.
Questo Movimento, ve lo garantisco, non delegherà nessuno. È un movimento in prima persona. In prima persona plurale: noi, i cittadini.
In autunno lancerò le liste a Cinque Stelle Regionali e subito dopo il Movimento, attraverso la Rete. Un movimento di democrazia diretta. Un virus che non si può fermare perché cammina attraverso le sue idee e i suoi programmi. E soprattutto la sua allegria. Perché ridere è contagioso, contagiosissimo.
Quindi “una risata vi seppellirà tutti”! Buon 168!
Grillo68

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *