Home > Procida: Collegamenti marittimi tra novità e preoccupazioni.

Procida: Collegamenti marittimi tra novità e preoccupazioni.

Mentre viene annunciato che la CAREMAR dovrà procedera alla riduzione del 50% dei posti passeggeri disponibili sui traghetti (in base ad una legge del 2000 che prevede una serie di adeguamenti) e continua l’indisponibilità a Marina Grande del pontile degli aliscafi (sempre con i lavori che procedono a passo di lumaca non si sa ad aspettare chi o che cosa) abbiamo ascoltato l’Assessore ai trasporti Pasquale Sabia in merito ad alcuni aspetti più generali inerenti i collegamenti marittimi del Golfo di Napoli che richiedevano alcune precisazioni.
In relazione all’articolo apparso su “Il Golfo” nei giorni scorso con riferimento alla lettera inviata dall’Assessore Mattera del Comune di Forio all’avvocato Capaldo della Regione Campania settore trasporti, tesa all’ottenimento del metrò del mare anche da parte delle isole di Ischia e Procida, sottolinea l’Assessore Sabia, “già nel 2008 chiesi all’Assessore Regionale ai Trasporti, Ennio Cascetta, tale eventualità, anzi ci fu l’impegno da parte dello stesso di far partire il metrò da Procida, come primo scalo, anzichè da Monte di Procida ( porto chiuso) / Bacoli. Logicamente, ci fu l’opposizione da parte degli armatori e la parola datami dall’Assessore Cascetta è caduta nel vuoto. La richiesta è stata riproposta anche quest’anno in una delle tante riunioni (regolarmente verbalizzata) tenute presso gli Uffici della Regione Campania, motivata dal fatto che il metrò non sarebbe andato ad interferire con i normali collegamenti ma avrebbe aperto, con una corsa mattutina in andata ed una pomeridiana di ritorno, un varco al turista procidano verso mete rinomate quali Amalfi, Positano ecc. Tutto questo, come facilmente riscontrabile, è rimasto ancora una volta inattuato.”
Altro aspetto ancora una volta da sottolineare, continua l’Assessore Sabia, “è la perdita della corsa del traghetto Caremar delle 10,40 da Napoli per Procida / Ischia, faticosamente ottenuta dopo due anni di dure pressioni e inficiata da un’ordinanza del Sindaco del Comune d’Ischia Giosi Ferrandino il quale, intervistato da procida.tv in campagna elettorale, aveva assunto l’impegno a risolvere la problematica dell’approdo serale ad Ischia e quindi il ripristino della suddetta corsa. Devo evidenziare che a tutt’oggi, dopo aver ottenuto dal PD procidano i voti promessi che gli hanno consentito l’elezione alla Provincia di Napoli, il sindaco Ferrandino non ha ancora rispetto l’impegno preso, non con il sottoscritto, ma con i suoi elettori di Procida”. Ma, conclude l’assessore Sabia, “i Cascetta e i Ferrandino sono della stessa area politica, da sempre contro le esigenze della comunità procidana e quello che si è ottenuto in questi anni, ad esempio incrementando notevolmente i collegamenti con Napoli e Pozzuoli di giorno e di notte, non ultimo il collegamento con Monte di Procida/Ischia, con ben due unità in linea sia dal porto di Marina Grande che dalla Chiaiolella, è avvenuto grazie all’impegno e all’abnegazione dell’amministrazione di Procida che mi ha consentito di battagliare a trecentossentagradi. Speriamo, comunque, che tra le sette amministrazioni di Ischia e Procida si ritrovi al più presto compattezza ed unità di intenti per portare a buon fine la costituzione della regionale marittima “Corema”, che dovrebbe subentrare alla Caremar.” Forse, diciamo noi!

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *