Home > Procida. I propositi elettorali di Italia dei Valori

Procida. I propositi elettorali di Italia dei Valori

L’isola di Procida com’è evidente si trova in una condizione sociale e ambientale di estremo degrado: identità smarrita, vivibilità dell’isola perduta, territorio devastato e pasticciato dall’incontrollato abusivismo edilizio, abbattimenti di case in corso, tasche dei cittadini svuotate da servizi mediocri e insufficienti, povertà in crescente aumento, traffico caotico, strade dissestate dal continuo andirivieni di colossali mezzi motorizzati, risorse dell’isola alienate a dispetto delle vessate condizioni delle casse comunali e del non godimento da parte della comunità, classe politica dirigente assente dai reali problemi di chi vive sull’isola, consiglieri di minoranza incapaci di coalizzarsi in un unico gruppo di opposizione, ecc. ecc..

Considerato che la trasparenza amministrativa su importanti tematiche da molti anni non si è mai espressa nel modo dovuto e quindi per evitare di incorrere in ingannevoli promesse il partito ITALIA DEI VALORI cercherà di esporre come base programmatica gli orientamenti su cui proietta la sua attenzione ritenendo sostanziali i seguenti punti:

  1. Dimezzare od addirittura azzerare il compenso mensile a sindaco ed assessori per gran parte del periodo amministrativo e lo stesso vale per i compensi ai componenti delle commissioni.
  2. Risanamento delle casse comunali senza più scaricare il tutto sulle spalle dei malcapitati cittadini puntando principalmente al recupero delle risorse territoriali, alleggerendo in tal modo il peso degli oneri attualmente richiesti e nel contempo ridare vivibilità e godimento dell’isola a tutti i cittadini.
  3. Ridare la vivibilità nelle strade non puntando solo sui “divieti” come è ormai di consuetudine, ma orientandosi verso il rispetto del codice della strada partendo da un doveroso e responsabile piano traffico valutato da periodiche consulte aperte a tutta la cittadinanza per cercare di raggiungere in breve tempo i seguenti obbiettivi: forte riduzione della circolazione di voluminosi camion, considerevole riduzione (sopratutto lungo le strade principali e nel centro storico dell’isola) della permanente presenza di macchine in sosta in ogni spazio libero con l’ausilio di appropriati parcheggi da non realizzarsi a danno di terreni coltivati e giardini ma eventualmente da ricavarsi dagli spazi già alterati dall’abusivismo edilizio acquisiti a patrimonio comunale; rendere funzionale ed ordinata la circolazione stradale con l’ausilio di rilevatori di velocità, promuovere ed incentivare l’uso di mezzi ecologici.
  4. Contrastare fortemente l’abusivismo edilizio e pretendere con decisione dalle autorità competenti il dovuto ed indispensabile nuovo piano urbanistico previsto dalle normative vigenti.
  5. Rendere il servizio Sepa per la raccolta differenziata efficiente al 100% , che insieme alla riduzione di sprechi ridurrebbe fortemente la tariffa eliminando altresì gli attuali e gravosi disagi come ad es. l’obbligo di portare materiali ingombranti a via IV Novembe.
  6. Dichiarare l’acqua diritto primario fondamentale di tutti i cittadini escludendone la privatizzazione.
  7. Sostenere una attenta politica ambientale promovendo installazioni di impianti ad energia fotovoltaica ad iniziare dagli edifici pubblici, promovendo la diffusione dell’educazione civica ed ambientale, salvaguardando l’ambiente naturale – culturale dell’isola, il suo paesaggio e i suoi beni storici.

Si ribadisce altresì che questo nuovo partito non guarda a colori politici ma è solo orientato verso una politica chiara, rilassante, fissando lo sguardo in maniera prioritaria solo al benessere della popolazione ed al superamento dei tantissimi problemi che affliggono l’isola senza imporre ulteriori e penalizzanti condizioni, ed è altresì aperto a collaborare con tutte le realtà interessate ad un vero e sostanziale cambiamento.

Per il Coordinamento IDV Procida

Tommaso Forestieri

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *