Home > arredo urbano > Procida: Inaugurazione Parcheggio in via Libertà giovedì 30 maggio ore 18.00

Procida: Inaugurazione Parcheggio in via Libertà giovedì 30 maggio ore 18.00

PROCIDA – (c.s.) L’Amministrazione Comunale è lieta di invitare la cittadinanza all’inaugurazione del Parcheggio in via Libertà prevista per giovedì 30 maggio alle ore 18.00 presso il parcheggio.

Seguirà un brindisi sulla terrazza del Palazzo Merlato con l’accompagnamento musicale del gruppo musicale “I Ventinove e Trenta” con il loro sound allegro, che accosta alla vivacità del reggae alle influenze di altri generi quali il funk, la dance e lo swing.
Il Progetto Waterfront suddiviso in due Lotti termina dopo 4 anni dall’apertura del cantiere superando non poche difficoltà. 
La realizzazione del parcheggio a via Libertà, in terrapieno ed a raso, ha la capacità di 34
posti auto e 24 posti motocicli. Esso rappresenta l’importante possibilità di realizzare una funzione
strettamente connessa alla riqualificazione del waterfront e dell’asse del centro storico di Marina
Grande, necessaria per la collettività perseguendo l’obiettivo di liberare il waterfront
dalle auto in sosta. La sua realizzazione non ha un impatto negativo né per il
paesaggio, né architettonico; le aperture sono elemento non invasivo, conservano l’immagine
del muro di contenimento con sovrastante giardino che è stato ripristinato.
 
L’Assessore Rossella Lauro: “Da subito è stata chiara la nostra volontà, quella di portare avanti un’opera da circa 7 milioni. I tempi già erano stretti per terminare il tutto in sei mesi e la scelta di suddividere l’opera in due parti è stata vincente per poter realizzare una parte con la vecchia programmazione dei fondi europei (2007-2013), mentre abbiamo sostenuto nelle sedi regionali la necessità di terminare l’opera con i fondi 2014-2020. La fiducia che ci è stata data non ha incontrato pochi ostacoli che hanno rallentato i tempi di realizzazione. Tutta la Giunta, con le diverse deleghe, sono dovuti intervenire per sciogliere diversi nodi dall’acquisizione di un sottosuolo (poco disciplinato dalle nostre norme), fino al contenzioso tra la prima e la seconda ditta davanti al TAR e poi al Consiglio di Stato. Oggi brindiamo alla conclusione di un’importante opera che darà maggiore respiro all’asse storico di Marina Grande.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *