Procida. Intartaglia-Righi: la Piazzetta vola in finale

MARIO LUBRANO LAVADERA – E’ la Piazzetta la prima finalista del torneo isolano 2010. La squadra di capitan Trapanese ha eliminato l’Olimpia in una gara che per emozioni e coreografia sembrava molto di più di una semplice semifinale. Alla fine l’ha spuntata la tecnica, il carattere ed il furore agonistico della Piazzetta che ritrova la finale dopo due anni e dopo quella semifinale stregata contro i Degenerati. Per l’Olimpia arriva un’amara sconfitta che tiene fuori i campioni in carica dalla finalissima. Ma la squadra della Chiaiolella non può rammaricarsi più di tanto visto che la Piazzetta nei novanta minuti è stata superiore ed ha meritato la vittoria. Le due squadre si presentano al gran completo. L’Olimpia schiera Rite al fianco di Landola in difesa e Ambrosino a centrocampo sul settore di destra. A farne le spese sono Meglio e D’Orio che si accomodano in panchina. La Piazzetta si presenta con il tridente offensivo formato dai fratelli Righi ad accompagnare Assante. Intartaglia rientra a centrocampo al fianco di Buono e Trapanese. La partenza della Piazzetta è fulminea. Dopo appena sessanta secondi ci prova Vincenzo Assante dal limite ma la palla si perde di poco alta. Al 5’ Besio si invola sulla sinistra e fa partire dal suo sinistro un grandissimo cross che viene deviato dalla testa di Fabrizio Righi sul secondo palo ma ancora una volta la palla si perde di poco a lato. Intorno al quarto d’ora di gioco esce dalla tana l’Olimpia che ci prova con Salvatore Sabia, il più pericoloso dei suoi nella prima frazione di gioco. Al 13’ il centrocampista in maglia verde ci prova con una conclusione dal limite che si perde alta. Poco dopo replica con il destro mandando di poco a lato alla sinistra di Scotto di Minico. Il ritmo della partita resta molto alto per tutto il primo tempo. La Piazzetta sembra dominare a centrocampo con Giovanni Buono “Banana” che disputa un primo tempo strepitoso. Al 22’ Sandro Righi rientra e crossa dalla sinistra, in area di rigore è libero Esposito che gira di destro ma la conclusione è debole e Barone blocca senza problemi. Al 23’ l’occasione più importante dell’Olimpia : Vincenzo Sabia calcia su punizione dai venticinque metri, la palla sembra diretta all’angolino ma Scotto di Minico con un grandissimo gesto tecnico e atletico la devia in corner salvando i suoi. Grandissima parata del portiere della Piazzetta. Al 26’ ci prova Intartaglia su punizione con il sinistro ma la palla sfiora il palo alla sinistra di Barone. Sono solo le prove tecniche per il gol. Al 38’ la scena si replica ed Intartaglia si presenta ancora una volta sul punto di battuta. Questa volta la sua punizione è diretta nello specchio della porta e l’intervento del portiere Barone non è irresistibile con la palla che si infila in rete. E’ il gol del vantaggio che fa esplodere la tifoseria della Piazzetta. Al 40’ ci riprova ancora una volta Intartaglia con il sinistro ma questa volta blocca l’estremo difensore Barone. Termina così il primo tempo con il meritato vantaggio della Piazzetta. Nella ripresa il copione non cambia. Il ritmo è come sempre incalzante e le due squadre cercano di colpire con rapidi capovolgimenti di fronte. Dopo appena trenta secondi parte il contropiede della Piazzetta con Sandro Righi che smarca Assante per il tiro di destro che sfiora l’incrocio dei pali. All’ 11’ è ancora una volta Assante a calciare dal limite con il destro ma questa volta la conclusione dell’attaccante della Piazzetta viene bloccata senza problemi da Barone. Inizia a metà ripresa la girandola delle sostituzioni. Costagliola e Luongo prendono il posto di Meglio e Ambrosino nell’Olimpia mentre Busiello e Noviello rilevano Assante e Buono nella Piazzetta, quest’ultimo autore di una prova eccellente ma a rischio espulsione nel corso della ripresa. Al 20’ Costagliola crossa da calcio d’angolo, la palla giunge sul secondo palo dove Rite di testa manda alto sopra la traversa sprecando un’ottima occasione. Al 23’ ci prova Sandro Righi su punizione ma la palla sfiora l’incrocio e si perde sul fondo. Al 28’ lo stesso Righi si invola verso la porta ma a tu per tu con Barone si fa ipnotizzare dal portiere avversario che non si fa superare dal numero 10 della Piazzetta riscattandosi dopo l’errore sul primo gol. Al 32’ l’episodio che può cambiare la gara : Sandro Righi viene atterrato sulla sinistra da Cerase, il fallo sembra netto ed il numero 10 della Piazzetta raccoglie ingenuamente il pallone con le mani senza aspettare il fischio del direttore di gara Sicignano. Righi, già ammonito, riceve il secondo giallo e termina in anticipo la sua partita. Giusta l’espulsione ma era netto il fallo precedente su Sandro Righi. A questo punto l’Olimpia cerca il disperato assalto al pareggio gettandosi in avanti. Al 38’ ci prova Lubrano che calcia alle stelle con il destro. Al 42’ Salvatore Sabia ci prova dalla distanza ma è prontissimo il portiere della Piazzetta a deviare in corner. Al 45’ ci prova Luongo dalla lunga distanza ma ancora una volta blocca Scotto di Minico. Al 48’ con l’Olimpia tutta nella metà campo avversaria Luongo sbaglia il rinvio regalando palla a Fabrizio Righi che lo salta, si invola verso la porta difesa da Barone e indirizza la palla nell’angolino con il piatto destro per il 2-0. E’ il gol che taglia le gambe agli uomini della Chiaiolella e che manda dritta in finale la squadra della Piazzetta. E’ festa sugli spalti per i tifosi della squadra in maglia bianca che può così festeggiare il ritorno nella finalissima dopo due anni. L’anno scorso sembrò una partita stregata e quest’anno la Piazzetta è riuscita a scacciare via i mostri del 2009. Rappresentativa del riscatto l’azione del secondo gol di Fabrizio Righi che ricorda un po’ il gol che sbagliò lo stesso esterno della Piazzetta negli ultimi minuti della scorsa semifinale. Ma quest’anno la storia è cambiata e capitan Trapanese e compagni si giocheranno la vittoria del torneo isolano nella finalissima di Giovedì. Per l’Olimpia un’amara sconfitta ma la squadra di Mister Lubrano abbandona il torneo a testa alta con la consapevolezza di poter programmare una squadra per il torneo del prossimo anno ancora una volta molto competitiva.

pagina web http://www.torneoisolano.it/

gruppo su facebook Torneo Isolano – Procida

Per contatti clicca qui

“Le Pagelle”

OLIMPIA CHIAIOLELLA

BARONE : non impeccabile sull’episodio del primo gol. Si riscatta in parte però nella ripresa con alcune parate ed un’uscita super sui piedi di Righi. 5
CERASE : il suo torneo isolano è ottimo. Come al solito è il più continuo della squadra e non a casa è uno degli insostituibili. Ancora una volta una prestazione positiva. 6,5
LANDOLA : buona prova del capitano. Un po’ in difficoltà sui duelli in velocità con i fratelli Righi ma più di qualche volta è lui a salvare la sua retroguardia. 6
RITE : mezzo punto in meno rispetto al compagno di reparto. Più timorosa e paga la minor esperienza rispetto a Landola. Anche lui in difficoltà sui duelli in velocità. 5,5
COSTAGLIOLA : era stato lui a decidere il match contro la Piazzetta nel girone. Questa volta non è stato allo stesso modo decisivo e di certo la sua prova non può ritenersi positiva. 5
MEGLIO : spento il centrocampista dell’Olimpia. Soffre molto a centrocampo ed infatti viene quasi subito sostituito ad inizio ripresa. 5
SABIA S. : è il più pericoloso dei suoi nel primo tempo. Dal suo destro partono le conclusioni migliori e la sua prestazione è sufficiente. 6
SABIA V. : non riesca a giocare molti palloni. A centrocampo soffre la giornata di grazia di “Banana” e Trapanese. Scotto di Minico gli nega anche il gol su punizione. 5,5
AMBROSINO : il più piccolo della compagnia soffre il duello fisico a centrocampo. Il suo torneo isolano è da incorniciare ma in questa semifinale non è stato all’altezza. 5,5
LUBRANO : il “Pocho” prova ad illuminare i suoi. E’ l’unico che cerca con un po’ di inventiva di mettere in crisi la difesa avversaria ma non è assistito al meglio dai compagni e dal suo partner d’attacco. 6
CARDITO : il bomber è spento. Il capocannoniere del torneo non colpisce. Ha una mezza occasione nella prima frazione ma colpisce debolmente di testa appoggiando la palla a Scotto di Minico. 5
ENTRATI NELLA RIPRESA :
COSTAGLIOLA : cerca con la sua velocità di mettere in crisi gli avversari. Ci riesce poche volte ma comunque da un po’ di velocità in più alla manovra dei suoi. Positiva la sua presenza in campo nella rirpesa. 6
LUONGO : da poco alla sua squadra. E nel finale regala a Righi il pallone del 2-0. 5
PIAZZETTA
SCOTTO DI MINICO : da sicurezza alla difesa. Sempre puntuale nelle uscite e nelle circostanze in cui viene impegnato. Strepitosa la parata sulla punizione di Sabia. 7
ESPOSITO : il suo torneo isolano è molto positivo. Grande continuità di rendimento soprattutto quando viene impiegato da terzino. Anche con l’Olimpia la sua prova è positiva. 6,5
PRIMARIO : il più esperto della Piazzetta è ancora una volta autore di una gran prova. Davvero ottima la sua prestazione. 6,5
SCHIANO : è un muro! Dalle sue parti non si passa. Sempre puntuale e pulito in tutti gli inteventi. Per Schiano una prova da incorniciare. 7,5
BESIO : spinge con discreta continuità. In fase difensiva non rischia e la sua prova può ritenersi positiva. 6
BUONO : “Banana” è senza dubbio il migliore dei ventidue in campo. Il suo primo tempo è strepitoso. A centrocampo si fionda su tutti i palloni sempre con grande decisione. Rischia l’espulsione nella ripresa ma con grande esperienza riesce a contenersi fino all’inevitabile sostituzione. 8
TRAPANESE : è come sempre il vero metronomo della squadra. Dai suoi piedi partono tutte le azioni della Piazzetta. Non fa giocate di grande livello come è abituato a fare ma la sua presenza è come sempre indispensabile. 6,5
INTARTAGLIA : ottima anche la prestazione di “Gerry”. Il suo sinistro incanta sempre e quando si inserisce tra le linee può diventare devastante. Ha, inoltre, il merito di sbloccare la gara. 7
RIGHI F. : quando parte in velocità è irresistibile. Rispetto alle altre gare è meno attivo ma molto più decisivo e molto probabilmente i suoi compagni lo preferiscono così. 6,5
ASSANTE : ci prova in continuazione fino a quando non viene sostituito per infortunio. La mira è da rivedere ma anche la sua prestazione è sufficiente. 6
RIGHI S. : sicuramente non è il Sandro dei giorni migliori a causa dell’infortunio alla caviglia. Ma è sempre un piacere vederlo giocare e partire palla al piede. Fallisce il 2-0 ma è sempre fondamentale. Peccato per l’espulsione che lo terrà fuori dalla finale. 7
BUSIELLO : entra a secondo tempo in corso e mostra subito la sua qualità. Gioca i primi dieci minuti dopo il suo ingresso in campo alla grande. 6,5
NOVIELLO : tanta quantità e corsa in mezzo al centrocampo. Venticinque minuti di grande spessore per lui. La Piazzetta ha trovato un altro uomo fondamentale. 6,5
LUBRANO : dieci minuti di grande sacrificio nel finale. Si sacrifica per la squadra e gioca anche di mestiere con alcuni falli che fermano l’assalto Olimpia. 6

MARIO LUBRANO LAVADERA

Potrebbe interessarti

Questa sera a Chiaiolella “Benvenuta Estate”

PROCIDA – Borgo Chiaiolella, da sempre ti distingui, con accoglienza amichevole. Mese di Luglio: BENVENUTA …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *