Home > Procida. La Befana della SAP, erede dell’EVI.

Procida. La Befana della SAP, erede dell’EVI.

Qui di seguito riportiamo il volantino preparato dall’Osservatorio Civico e dal partito Democratico sulle bollette emesse dalla SAP.
Le prime bollette dell’acqua emesse con scadenza 31.12.2008 (!!!) dalla SAP, la nuova società a capitale comunale che la Giunta ha voluto inventare, anziché tornare all’Ufficio Acquedotto, ripropongono per il momento uno dei due abusi commessi per anni dall’EVI di infausta memoria: la trimestralizzazione delle eccedenze, che comporta un pesante aggravio. Il regolamento comunale ne prevede il calcolo solo su base annuale (con l’ovvia possibilità di compensarle in tutto o in parte con i ridotti consumi dei mesi più freddi).
Inoltre la SAP, incurante della recente sentenza della Corte Costituzionale, continua ad addebitare la depurazione, anziché precisare se, come e quando saranno restituite le cifre indebitamente incassate dall’EVI a quel titolo.

IL SINDACO CHIARISCA SUBITO QUESTI PUNTI E RISPONDA AI SEGUENTI IMPORTANTI QUESITI:
• Se negli accordi intercorsi tra Comune ed EVI è stato deciso di trasferirne crediti e debiti alla SAP;
• Se e da quanto tempo è in funzione la depurazione a Procida (visto che la sentenza ha effetto retroattivo e, fino a prova contraria, il depuratore è in costruzione);
• Se e quando intende impegnarsi per far restituire agli interessati le somme prelevate indebitamente per tanti anni dall’EVI, grazie all’invenzione della cosiddetta ‘quota fissa’;
• Perché, malgrado le assicurazioni ripetutamente date, ha affidato la direzione della SAP al presidente della SEPA, dopo i disastrosi esiti della sua gestione del servizio rifiuti?
Chiediamo risposte chiare e rapide, visti gli assurdi termini di pagamento.
Partito Democratico di Procida
Osservatorio Civico di Procida

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *