Home > Procida: Limitiamo il traffico … ma come?

Procida: Limitiamo il traffico … ma come?

Raccogliamo la provocazione lanciata da Domenico Ambrosino dalle pagine de “Il Mattino” sperando che dalla discussione possano nascere proposte fattive ed applicabili.

Uno sfogo liberatorio, una provocazione ironica, uno sberleffo irriverente, chiamatelo come volete, ma il volantino distribuito, ieri, nelle strade e sulle spiagge di Procida, è stata una spruzzata di gas (benefico) uscita dalla marmitta, pardon dalla mente, di un comitato di isolani e turisti delusi, amareggiati e affumicati dal traffico di auto e motorini che sta uccidendo l’isola di Arturo.
Il comitato “Pro – Motore” ha proposto il divieto di transito ai pedoni! Sostanziandolo con una serie di misure: stop alla spesa con i carrelli, alle passeggiate con i carrozzini, alle discussioni per le strade, alla creazione di isole pedonali a favore dei commercianti e dei turisti, allo shopping rilassato. Le straducce isolane vanno liberate da quanti camminano a piedi: sono nullafacenti e perditempo che creano grossi rallentamenti. Da qui la drastica proposta per la soluzione del problema: aboliamo il transito dei pedoni perché l’isola si gode in macchina. Con un’ultima aggiunta: vanno spente le poche luci rimaste accese nelle strade semibuie, perché ad illuminarle ci penseranno i fari delle auto, finalmente libere di circolare senza l’assillo della gente che cammina a piedi.
Massimo Morlino, docente di Psichiatria, presso l’Università Federico II di Napoli, uno degli estensori del messaggio, confessa che si è ispirato ad una massima popolare appresa proprio da un pescatore procidano che rifletteva sulla brevità della vita: “A vita è n’affacciata e fenesta, ma pe’ verè na prucessione e pazze”. A Procida tutti pazzi per i motori: su 3,7 kmq di superficie, una popolazione di 10805 abitanti, circolano 5000 auto e 7000 motorini. Le misure e le iniziative prese dall’Amministrazione (targhe alterne, isole pedonali, divieto assoluto di circolazione per diverse ore) non bastano. “E’ necessario entrare nella testa della gente, il che è molto difficile!” – dice sconsolato il comandante della Polizia Urbana Giuseppe Trotta. A questo punto c’è anche il rischio che il messaggio del comitato venga preso alla lettera: si, aboliamoli i pedoni!

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *