Home > Procida: Manca solo la matematica per l’eccellenza.

Procida: Manca solo la matematica per l’eccellenza.

mister-citarelli.jpgE’ grande festa allo “Spinetti” al fischio finale di Procida – Vitulazio. Il Mondragone viene travolto ad Alvignano dal Real Volturno e la squadra isolana può festeggiare, nonostante la matematica ancora lasci speranze ai casertani, per una vittoria storica. Un’atmosfera mai vissuta a Procida. Da brividi. In campo la formazione di Mister Citarelli è una macchina da gol. Il Vitulazio nulla può contro gli affamati attaccanti della formazione isolana. Il Mondragone scivola così a sette punti di distacco ed è festa. Mister Citarelli deve rinunciare al solo Raffaele Pianese, squalificato per tre giornate dopo la trasferta contro l’Acerrana. In attacco rientra Liccardi al fianco di Bottone. Il Vitulazio arriva sull’isola per cercare di strappare almeno un punto alla capolista. In attacco c’è il solo Gheremedin, che si muove bene ma non riesce mai a rendersi pericoloso. Parte subito forte la formazione isolana. Dopo un rigore non concesso ingiustamente al Vitulazio, al 2′ Bottone calcia su punizione dal limite ma blocca senza problemi Rotta. Al 6′ tiro di Del Gaudio, respinge la difesa ospite sul destro di Bottone ma il bomber biancorosso calcia alto. Al 13′ ci prova Alessandro Malgieri dalla lunghissima distanza ma la palla termina abbondantemente a lato. Al 19′ lungo lancio di Bottone a pescare Intartaglia, il capitano biancorosso crossa al centro per l’accorrente Autiero che con un grandissimo colpo di testa mette in rete. Bellissimo gol del terzino isolano, alla prima realizzazione stagionale. Al 22′ ci prova il Vitulazio : Gheremedin recupera palla a trenta metri dalla porta, punta Massimo Malgieri e calcia di sinistro abbondantemente alto. Al 27′ lancio di Del Gaudio per Bottone che si invola da solo verso la porta ma si fa respingere la conclusione da Rotta. Al 33′ Scialdone serve Gheremedin che spalle, si gira e prova il tiro di sinistro con la palla che si perde di poco a lato. Un minuto più tardi Inatrtaglia si accentra dalla destra e tira a giro con Rotta che blocca la conclusione. Al 43′ cross di Intartaglia dalla destra, Bottone arriva in corsa ed in spaccata, con il destro, riesce a deviare la palla quel tanto che basta per mandarla nell’angolino. Al 44′ cross su punizione a rientrare dalla destra di Intartaglia e colpo di testa di Alessandro Malgieri con la palla che termina di poco alta. Termina così il primo tempo, con il Procida in vantaggio di due gol. Nella ripresa il Procida parte subito fortissimo. Dopo quaranta secondi Russo crossa dalla destra, deviazione di Lagnese con la palla che si impenna, Liccardi si cordina e trova un tiro al volo che si infila sotto la traversa. Un eurogol di Vincenzo Liccardi che meritava questa soddisfazione dopo un periodo un po’ difficile dove il giovane attaccante ha giocato poco in seguito all’esplosione di Pianese. Al 4′ Liccardi replica : cross dalla sinistra, l’attaccante biancorosso aggancia di petto, difende la palla dall’attacco di Lagnese e calcia di destro nell’angolino. All’11’Gheremedin calcia su punizione dal limite ma blocca Rotta. Al 24′ cross al centro per Liccardi, sponda del giovane attaccante per Bottone che calcia, respinge Rotta ancora sul destro di Bottone che mette in rete a porta vuota. E’ il ventesimo gol stagionale per Marco Bottone, l’ennesimo di un campionato strepitoso. Al 29′ Intartaglia ci prova dal limite, respinge Lagnese sul destro di Del Gaudio che calcia alto. Al 30′ Intartaglia si accentra e calcia di sinistro ma blocca Rotta. Al 31′ Liccardi parte sul filo del fuorigioco e si invola verso la porta, l’attaccante biancorosso evita il portiere avversario e mette la palla in rete chiudendo la sua tripletta personale. Undicesimo gol stagionale per Liccardi che ha una media gol su minuti giocati impressionante, soprattutto pensando che parliamo di un giovane di vent’anni. Nell’ultimo quarto d’ora l’attenzione si sposta sui telefonini collegati con Alvignano dove il Mondragone perde contro i padroni di casa del Real Volturno. A quel punto comincia la festa con i calciatori procidani che festeggiano con i tifosi biancorossi e soprattutto con più di cinquanta ragazzini della scuola calcio che hanno occupato un settore dello “Spinetti” tifando per tutti i novanta minuti. A fine della gara questi ragazzi hanno festeggiato negli spogliatoi con i calciatori creando un’atmosfera che a Procida mai si era vista. Queste persone, Luigi Muro, Nicola Crisano, insieme a Roberto Esposito di Coconuda, hanno saputo regalare questo ai procidani. La matematica ancora non da ragione ufficialmente al Procida ma già si può dire che i biancorossi hanno scritto una nuova pagina di storia.

Mario Lubrano Lavadera (da www.usprocida.it)

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *