Home > Procida: Novità nello scacchiere dei gruppi consiliari in vista del Consiglio Comunale del 26 novembre prossimo.

Procida: Novità nello scacchiere dei gruppi consiliari in vista del Consiglio Comunale del 26 novembre prossimo.

Vincenzo Capezzuto jrDopo il Consiglio Comunale dello scorso 19 novembre, che ha visto l’uscita dalla maggioranza di centrodestra di “Procida in Progresso” dei consiglieri Gennaro Cibelli, Tommaso Strudel e Giorgio Formisano, anche il centrosinistra procidano vive un “piccolo dramma”.

“Unione per Procida”, infatti, dopo aver dovuto registrare la precedente uscita dei consiglieri Dino Ambrosino e Fabrizio Borgogna, che hanno costituito il gruppo “Procida Democratica”, marca l’uscita anche di Vincenzo Capezzuto Jr.

<<Non mi sento più rappresentato da questo gruppo>>, sono le prime parole espresse dal consigliere, che continua, <<a mio avviso sono venute meno le motivazioni che mi spinsero nel 2005 ad aderire al progetto capeggiato dal prof. Michele Romano verso cui resta tutta la mia personale stima e gratitudine. Fin troppe, negli ultimi tempi, sono state le prese di posizioni contrapposte con gli amici consiglieri del gruppo, soprattutto su questioni che ritengo cruciali per la nostra isola.

Al tempo stesso, mi auspico la costituzione di un gruppo nuovo dove confluiscano quanti, ormai da più tempo, stanno condividendo la stessa “battaglia” politica >>.

Nel frattempo, sottolineando come per l’isola di Procida si sia aperta una sostanziale crisi, il consigliere Maria Capodanno, nel ribadire come Socialisti e democratici non si sottrarranno alle loro responsabilità su un programma di rilancio chiaro, preciso e puntuale, auspica l’apertura di una nuova fase politico-amministrativa i cui sbocchi possono essere sostanzialmente tre:

  1. lo scioglimento del Consiglio con la conseguente venuta del Commissario;
  2. una stentata vita alla giornata, dell’attuale Amministrazione, indebolita ed esposta ad un logoramento sempre più pesante;
  3. un accordo fra tutte le forze del Consiglio Comunale con il coinvolgimento delle forze sociali ed economiche, delle associazioni del volontariato e della Società civile, in una logica di “unità isolana” per far fronte ad una situazione grave che si inserisce in quella del Paese ancora più seria.

Come non è difficile intuire, l’autunno caldo della politica procidana è solo all’inizio.

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *