Home > Procida. Rapporto Bio Bank sull’Italia del biologico: la vendita diretta domina la scena

Procida. Rapporto Bio Bank sull’Italia del biologico: la vendita diretta domina la scena

Per il biologico non c’è crisi economica. Gli italiani non rinunciano ai prodotti alimentari certificati bio e preferiscono andare a fare acquisti direttamente nelle aziende agricole, negli spacci aziendali: sono le tendenze del settore del biologico indagate dal Rapporto Bio Bank 2009, basato sui dati di oltre 7.000 operatori del settore.

Le porte delle aziende bio sono sempre più aperte, apertissime. Lo sviluppo del rapporto diretto tra chi produce e chi consuma domina infatti la scena nazionale del biologico, con la vendita diretta che si espande nelle sue varie forme.

Lo rivela il Rapporto Bio Bank 2009, che nasce dall’elaborazione dei censimenti diretti effettuati presso oltre settemila operatori, appena pubblicato su Tutto Bio 2009. Il Rapporto disegna due mappe distinte e complementari del biologico nazionale: la prima per numero assoluto, la seconda per densità di operatori. Traccia inoltre le tendenze del settore analizzando l’andamento del numero assoluto di operatori nel triennio 2006-2008.

Lombardia, Emilia-Romagna e Toscana si confermano le tre regioni leader per numero assoluto di operatori. La classifica viene redatta assegnando tre punti ad ogni primo posto, due per il secondo, uno per il terzo.
La Lombardia, che supera per la prima volta l’Emilia-Romagna con un totale di 14 punti, ha il medagliere con più ori. Quattro i primati: per numero di gruppi d’acquisto solidale, mercatini, negozi specializzati, ristoranti. In pratica, da uno su quattro a uno su sei di queste quattro tipologie di operatori, si trova in Lombardia. Al secondo posto, con 12 punti, l’Emilia-Romagna, che conferma l’oro solo per le mense, l’argento per ristoranti, agriturismi, vendita, diretta, mercatini, il bronzo per l’e-commerce. Ma continua ad essere l’unica regione, fra le altre, che entra in classifica in sei tipologie, a conferma di una presenza diffusa del biologico sul territorio. Al terzo posto, con 9 punti, la Toscana, prima per vendita diretta e agriturismi, seconda per gruppi d’acquisto e terza per mense.

La classifica cambia totalmente prendendo in esame le regioni che hanno il maggior numero di operatori ogni 100.000 abitanti. In testa l’Umbria, con 11 punti, che domina la classifica con tre primati: per vendita diretta, agriturismi ed e-commerce e guadagna un secondo posto per mercatini. A parità di punteggio la Valle d’Aosta con il primato per negozi ed e-commerce, seguiti al secondo posto da mercatini e ristoranti, ed al terzo dai Gas. Infine le Marche, con 9 punti, che primeggiano per ristoranti, e raggiungono il secondo posto per vendita diretta, agriturismi e gruppi d’acquisto.

Nell’ultimo triennio è lievitato soprattutto il numero delle attività legate alla filiera corta, con tassi di crescita a due cifre.

Leggi l’articolo pubblicato su:  www.biobank.it

fonte: ischiablog.it

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *