Home > Procida: Scattano le regole per accedere nel “Regno di Nettuno”

Procida: Scattano le regole per accedere nel “Regno di Nettuno”

Così come dichiarato dal Direttore dell’Area Marina Protetta “Regno di Nettuno “, Dott. Riccardo Strada, all’emittente televisiva Teleischia: “Il regolamento esecutivo dell’Area Marina Protetta “Regno di Nettuno” sta per essere pubblicato come Decreto Ministeriale sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. Il Regolamento prevede che l’ancoraggio nell’Area Marina Protetta sia permesso gratuitamente ai residenti ed a quelli che in qualche modo vivono stabilmente ad Ischia e Procida. Gli altri, turisti giornalieri del week end e per brevi periodi, per poter ancorare con le loro barche dovranno pagare un rimborso per le operazioni di restauro ambientale e di monitoraggio che l’Ente Gestore deve svolgere sui possibili danni ai fondali. Anche se il regolamento non è stato ancora pubblicato l’ente gestore ha deciso di permettere ai residenti che lo vogliano di ritirare già l’autorizzazione valida per tutto il 2009, in modo da non farli trovare spiazzati al momento della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.
Sono disponibili quattro uffici per il rilascio delle autorizzazioni, aperti tutti i giorni tranne la Domenica:
Procida, presso il Comune, aperto dalle ore 16 alle ore 20
Ischia, presso la marina Cala degli Aragonesi, aperto dalle 16 alle 20
Casamicciola Terme, presso il punto informativo Proloco, dalle 9 alle 13
Forio, presso il Comune, dalle 16 alle 20
Tutti i cittadini che possiedono una barca possono andare presso gli uffici negli orari indicati per ritirare il permesso ed un adesivo numerato che va attaccato in posizione ben visibile.
I proprietari delle barche devono poter dimostrare di essere residenti, oppure di avere i titoli per essere considerati equiparati ai residenti; quindi devono portare con se:
• Un documento di identità valido
• Un documento che dimostri il possesso della qualifica di “equiparato a residente”, cioè:
o Contratto d’affitto di un’appartamento per almeno due mesi
o Contratto di una darsena per un posto barca per almeno quattro mesi
o Bolletta di pagamento dell’ICI o TARSU che dimostri il possesso di un immobile
o Concessione demaniale che dimostri il possesso di un posto barca.
• Documento che dimostri la proprietà della barca, ovvero:
o Contratto di assicurazione del motore, in caso di natante
o Libretto di navigazione in caso di imbarcazioni
Considerando inoltre che i proprietari di barche spesso praticano la pesca sportiva si è deciso di agevolare i residenti permettendo loro di avere l’autorizzazione alla pesca per se e per un numero di ospiti fino a 3 pagando un diritto di segreteria in forma ridotta.
Per avere questo permesso non è necessario presentare documenti supplementari e sarà permesso avere come ospiti sia residenti sia non residenti.

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *