Home > Procida: Scoperto trasporto illegale di merce pericolosa

Procida: Scoperto trasporto illegale di merce pericolosa

comandante-oliveti2.jpgProseguono con intensità i controlli posti in essere nell’ambito portuale isolano dalla Guardia Costiera di Procida al comando del T.V. (CP) Gianluca OLIVETI.
Nella giornata del 13 maggio 2009, nel corso di un controllo posto in essere da una pattuglia del locale Circomare, composta dal C° 1^ Cl. Giuseppe MORRONE, con il Sottocapo Salvatore MORRA ed il Com. 1^ Cl. Giovanni SCOTTI D’ANTUONO, è stato scoperto un Autocarro intento ad imbarcare sul Casamicciola Terme I (Unità adibita al trasporto di passeggeri), che dal controllo eseguito, è risultato trasportare olii vegetali esausti ritirati da vari esercizi dell’isola, nonché batterie al piombo, tali sostanze sono classificate “rifiuti speciali pericolosi”.
Dal controllo dei documenti di bordo, è risultato che sebbene, sia l’autocarro sia la ditta erano regolarmente iscritte nell’albo nazionale delle imprese autorizzate alla gestione di tali rifiuti, nessuna autorizzazione all’imbarco risultava essere stata rilasciata dall’Autorità Marittima; parimenti degno di nota è il fatto che l’Autocarro stava per imbarcare su una Unità non adibita a tali trasporti, per i quali, invece, sono previsti vettori specializzati.
Il conducente veniva, quindi, prontamente invitato a lasciare la corsia di imbarco e recarsi presso gli Uffici dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Procida dove, effettuati ulteriori controlli, i militari del Comando isolano hanno proceduto ad elevare una sanzione amministrativa pari ad Euro 2065,81.
Contestualmente, lo stesso conducente è stato diffidato a lasciare l’isola senza aver prima prodotto la necessaria documentazione per l’ottenimento della prevista autorizzazione.

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *