Home > Procida: Segni preoccupanti sulla crisi della pesca.

Procida: Segni preoccupanti sulla crisi della pesca.

Era quasi inevitabile che, con l’acuirsi della crisi della pesca ci scappasse il provvedimento protezionista che, puntualmente è arrivato. Come scrive Domenico Ambrosino su “Il Mattino”, “ l’ultima bordata è l’ordinanza del sindaco di Ischia Giosi Ferrandino che consente la vendita del pescato, presso il Piazzale Aragonese, ai soli pescatori residenti nel Comune di Ischia”. …“E’ un chiaro atto di sabotaggio contro la pesca procidana – urla l’avvocato Nicola Pellecchia, segretario dell’Adiri Pesca, l’associazione isolana che da anni si batte per la tutela e lo sviluppo del settore – in quanto gli unici pescatori che agiscono sul mercato ischitano sono quelli di Procida”. Conferma Gerardo Gamba, pescatore storico della Chiaiolella, una vita dedicata alla cattura del pesce azzurro: “Specie in quest’ultimo mese, vendere il pesce nella rada di Ischia Ponte, ha rappresentato un’ancora di salvezza per la nostra attività, in quanto sul mercato ittico di Pozzuoli, ove siamo soliti operare, il prezzo del pesce azzurro è crollato a picco.” … “Il problema è stato affrontato dal sindaco di Procida Gerardo Lubrano che ha chiesto al collega ischitano l’immediata revoca della delibera contestata. “Ho trovato ascolto e disponibilità – dice il sindaco Lubrano. Ma è chiaro che di fronte ad un rifiuto, o anche ad un barcamenarsi, noi non ci fermeremo. Ricorreremo al TAR e porremo la questione in altre sedi istituzionali.”
Ovviamente seguiremo gli ulteriori sviruppi della vicenda.

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *