Home > Procida. Spiagge sporche, rifiuti sull’arenile

Procida. Spiagge sporche, rifiuti sull’arenile

Alcune segnalazioni sullo stato di degrado delle nostre coste

IL GOLFO 10-12-09
Manuela Intartaglia – Procida – Non cartacce, resti di cibo, bottiglie di plastica o lattine, ma veri e propri rifiuti solidi urbani che stanno trasformando le spiaggia in discariche abusive. Questo ciò che immortaliamo con le nostre foto sul degrado delle spiagge dell’ Isola. Siamo ancora lontani dalla stagione balneare, ma qualche anno fa, di questi tempi le associazioni di volontariato organizzavano giornate di pulizia delle spiagge, impresa ammirevole ma, con la situazione che si presenta attualmente, impossibile: lavatrici, mobilio, frigoriferi, elettrodomestici e rifiuti ingombranti vari. Come potrebbero rimuoverli dei volontari? Scartata la prima ipotesi nasce spontaneo chiedersi a chi compete tale pulizia. Ma soprattutto a chi compete il controllo. Nonostante le numerose telecamere che sorvegliano il territorio, balordi scaricatori riescono nei loro intenti: scaricare sulle coste e risparmiare costi di trasporto e smaltimento. Tra la mancanza di impianti di depurazione, catrame e materiali di scarico, oltre alla presenza di rifiuti, la mancanza di pulizia, e la grave negligenza dei procidani, la situazione appare complicata da risolvere. Bisogna intervenire con celerità e soprattutto impedire agli scaricatori di continuare indisturbati a perpetuare una tale nefandezza. La società civile non può accettarlo. Sarebbe triste pensare che la soluzione al problema è privatizzare tutti i litorali, scaricando il problema della sorveglianza ai concessionari. Una spiaggia libera e pulita non è un pretesa assurda. Non sono lontani i tempi in cui sulle spiagge dell’isola si raccoglievano centinaia di conchiglie, ma che fine hanno fatto? Se ne trovano sempre meno. Bisogna trovare la volontà e l’intelligenza di affrontare questo problema. L’economia dell’ isola non è certo fondata sul turismo ma abbiamo bisogno di un’immagine che sappia promuovere al meglio il nostro territorio se vogliamo cambiare la situazione e non di spiagge sporche o discariche a cielo aperto. Aspettiamo con ansia che questo grido di allarme venga accolto.

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *