Home > Comunicati Stampa > Per Procida: Trasporti, occorrono più fatti

Per Procida: Trasporti, occorrono più fatti

PROCIDA – (Comunicato stampa gruppo consiliare “Per Procida”) -Trasporti, trasporti e ancora trasporti. Aumentano i problemi e il delegato ai trasporti del Comune non trova di meglio da fare che piagnucolare stizzita su vicende passate che, oramai, dopo quasi due anni di amministrazione, trovano il tempo che trovano, forse perché non riesce a trovare il bandolo della matassa in un sistema, quello del trasporto marittimo, ma anche terrestre, che sta riportando Procida non venti ma oltre quarant’anni indietro facendo perdere i risultati di lunghe ed estenuanti battaglie (ad esempio, per non perdere l’Achernar si fece ricorso alla comunità europea dimostrando l essenzialità per Procida altrimenti sarebbe stato soppresso come quello per Capri).

Dopo, quindi, aver pavoneggiato aumento di corse a destra e a manca, nel momento in cui la Laziomar ha fermato il “Teseo” (ci dicono cha a Napoli si trova ancorato nella zona pre-demolizione), che la Gestour ha fermato il “Don Peppino” (doveva essere 7-10 giorni ma sono già quasi 20), la Caremar che non si comprende più quando ferma o parte con gli utenti disorientati che più non si può, la navetta tra Calata di Massa e il Molo Beverello che ancora non è partita e, quando lo farà, avrà cadenza ogni trenta minuti (quindi due corse in un’ora), la colpa sarebbe di “quelli di prima”.

L’auspicio è che la delegata ai trasporti, prima o poi, comprenda che governare non è solo like, faccine e cuoricini sulla pagine facebook, il mondo reale è tutt’altra cosa.

Come gruppo “Per Procida” ribadiamo con forza, per l’ennesima volta, che il Comune, per le proprie competenze, si faccia promotore verso la Regione Campania della richiesta di ritirare le linee alle società di navigazione che non provvedono, in caso di fermo di un mezzo (traghetto o aliscafo che sia), a sostituirlo in maniera adeguata.

Potrebbe interessarti

“A tavola con Procida” a Piacenza il prossimo 28 Ottobre

PROCIDA – Sabato 28 ottobre alle ore 20,00 presso il Salone della Parrocchia di Santa Franca …

Un commento

  1. Egregio consigliere,sei lontano anni luce dalla realtà:I collegamenti da Procida con Napoli hanno avuto negli ultimi due anni performance mai viste prima :I passeggeri per Napoli hanno superato il 38% rispetto al 2015 dati riferiti nel 2016 dalla Capitaneria di Porto:Il porto di Pozzuoli per i procidani negli altimi quarantanni non ha mai rappresentato l’alternativa:esso serve per pochi commercianti e per cittadini che ,loro malgrado,devono recarsi all’ospedale:Un procidano quando arriva a Pozzuoli per proseguire per Napoli con la cumana è come essere arrivato nel Bronx:Per quanto attiene alle sostituzione di mezzi da parte dei vettori per indisponibilità,la normativa nazionale ed INTERNAZIONALE prescrive l’obbligatorietà della sostituzione solo quando l’unità da sostituire abbia una velocità superiore ai 27 nodi:Non mi sembra che il Teseo o il Don Peppino rispondano a questi requisiti:Studia o fatti consigliare dal circolo …..della staffa!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *