Home > Procida. Un chiarimento e un invito alla signora Maria Capodanno

Procida. Un chiarimento e un invito alla signora Maria Capodanno

Gianni Romeo da procidamia.it
Procida – Ho letto con curiosità un truculento messaggio inviato per posta elettronica dal dott. Pasquale Lubrano, per conto della signora Maria Capodanno, consigliera comunale di minoranza felicemente passata a sostenere la giunta Lubrano, a un numero sconosciuto di destinatari dai nomi criptati, tra cui io stesso, contenente solo una serie di ridicole accuse e insinuazioni nei confronti miei e del cons. D. Ambrosino. Se autrice e diffusore del testo vorranno renderlo pubblico sui siti procidani, ne sarò lieto, perché tutti potranno toccare con mano il livello a cui è giunta la lotta politica nell’isola, anche se comprendo che sarebbe più vantaggioso per gli interessati stendere sul sanguigno documento un pietoso velo di silenzio… Ecco le due sole lamentele della signora che meritano un chiarimento:

1) il silenzio della Commissione comunale sulla depurazione: è vero, se ne è discusso, ma l’espressione ‘silenzio’ si riferiva al rifiuto di adottare qualsiasi decisione al riguardo, con la scusa della iniziativa, in corso di approvazione, con cui il governo sta cercando di fregare gli utenti del servizio idrico in quel 25% di comuni che è nelle nostre condizioni. Così, grazie al silenzio della giunta Lubrano-Capodanno, noi continueremo per ora a subire il prelievo – illegittimo almeno dall’ottobre 2008 – per la depurazione che non c’è. Se però la signora intende battersi nel consiglio comunale monotematico che ridiscuterà il tutto, per costringere la SAP a rinunciare da subito al balzello, avrà applausi a scena aperta da parte di tutti gli utenti SAP. Se poi vorrà aggiungere che decreti e regolamenti governativi lasciano il tempo che trovano, perché possono essere disapplicati dai giudici, avrà una standing ovation.

2) La trimestralizzazione delle eccedenze: anche qui, siccome continua con la SAP la prassi illegittima dell’EVI, che impedisce agli utenti di compensare su base annua i ridotti consumi invernali con quelli estivi, la signora ha tutto il tempo per ripensarci e per battersi in consiglio comunale contro quest’altro abuso e per ricevere applausi a scena aperta, che forse le rialzeranno un po’ il morale, a quanto pare non particolarmente alto, se si vede costretta a ricorrere a gratuiti insulti.

Gianni Romeo – Osservatorio civico di Procida

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *