Home > Raccolta differenziata. Un illusione per Procida

Raccolta differenziata. Un illusione per Procida

[youtube FP42Q0ec0C4]

Venerdì 18 luglio nell’ aula consiliare del Comune di Procida si è svolto l’incontro-confronto con istituzioni e imprenditori sullo scottante tema: “Raccolta differenziata risorse ed Opportunità”.
Il Coordinamento Cittadinanza Attiva, ha voluto fortemente questo momento di confronto a cui hanno partecipato: l’assessore all’Ambiente della Provincia di Napoli Giuliana di Fiore, il Sindaco Gerardo Lubrano, Carla Poli Direttrice del Centro Riciclo Vedelago (Treviso), e il Coordinamento Cittadinanza Attiva. Moderatore dell’incontro, Salvatore Carnevale del Coordinamento Civico Flegreo.
E’ una realtà cittadina che da mesi cerca di offrire opportunità di collaborazione , informazione, confronto e di interscambio con comuni che attuano ormai da anni e in maniera efficace Raccolta differenziata, annoverati tra i comuni virtuosi d’Italia.
Nonostante il caldo i cittadini hanno partecipato numerosi. La sala era affollata, tutti aspettavano risposte rispetto all’avvio effettivo della raccolta differenziata e le opportunità legate ad essa. L’assessore Giuliana di Fiore ha brillantemente illustrato quanto la Provincia può contribuire affinché l’isola decolli per una vera differenziata.

Purtroppo, e ci addolora, il sindaco per l’ennesima volta ha esposto le difficoltà amministrative di questo Comune ribadendo che i cittadini isolani e campani non possono paragonarsi a quelli del nord Italia.
Con tutta la buona volontà la differenziata, se si farà non la si potrà avviare prima di fine settembre. Si è scusato con i cittadini virtuosi, ma condanna quelli morosi (sarebbero il 40%) che hanno contribuito, a suo dire, all’attuale situazione disastrosa della società SEPA, in via di scioglimento con una nuova società che le subentrerà.
Il sindaco inoltre non è stato molto chiaro sulle sue decisioni riguardo all’installazione di un dissociatore molecolare sul territorio. E’ stato evidente dall’incontro che non ci sono più le condizioni politiche per costruirlo, ma nonostante ciò, il sindaco non ne ha voluto parlare giustificandosi con l’affermazione che gli accordi con la Di Fiore erano di non parlare della questione in quella sede. Il sindaco ha poi sottolineato che l’esperienza di chiudere in maniera virtuosa il ciclo completo dei rifiuti come ci è stato testimoniato dalla signora Poli, può funzionare solo dove c’è una squadra efficiente di soggetti che lavorano in sinergia con tutti gli attori del ciclo, cosa impossibile per noi.
Questo ci sconcerta perché testimonia la gravità dell’attuale momento politico amministrativo e la continua sfiducia nei cittadini mostrato da chi ci governa. I nostri sforzi spesso sembrano cadere nel vuoto, ma non molliamo e se non ci sarà un piccolo percorso che mostri la buona volontà di cambiamento rispetto alla “soluzione” attuale della discarica, passeremo a forme di lotta e testimonianze forti come l’autogestione della raccolta differenziata. Perché non si può tollerare quanto si potrebbe ovviare con l’umiltà e la volontà di collaborazione e sinergia tra le forze presenti sul territorio e quelle offertoci dai comuni virtuosi.

Comunicato stampa:

Coordinamento Cittadinanza Attiva Procida

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *