Home > Viaggiare al tempo della Decrescita Felice (puntata 2)

Viaggiare al tempo della Decrescita Felice (puntata 2)

di Paolo Merlini – da decrescitafelice.it

ARPA (Autolinee Regionali Pubbliche Abruzzesi)
Cari Amici,
oggi mi sento poetico e quindi comincio con una poesia.
Dos caminos tiene el mundo;
dos caminos, nada màs: uno que va y no vuelve, otro que vuelve y no va.
Questa poesia di Jacobo Regen, apre un bel libro di Laura Pariani che ho letto, appena uscito, nel 2006: Patagonia Blues (Effigie – collana Stellefilanti). Nel libro la Pariani, che vive in Argentina, ci racconta di un suo viaggio in autobus in Patagonia. E’impareggiabile nel riportarci le atmosfere rarefatte tipiche di quelle latitudini.
Ecco, io non so se andrò mai in Patagonia, però vi assicuro che se uno vuole perdersi in mezzo alla natura, basta andare in Abruzzo.
Io adoro l’Abruzzo. C’è tutto!
Naturalmente non starò qui ad elencarvi le innumerevoli bellezze abruzzesi, ma mi permetto di suggerirvi i mezzi di trasporto per “esplorare” questo territorio ignoto ai più.

Partiamo dall’ottimo servizio svolto dall’ARPA cioè dalle Autolinee Regionali Pubbliche Abruzzesi. Le autolinee Arpa sono di certo il fiore all’occhiello di una regione che ha investito molto nella viabilità e nei trasporti pubblici locali.

Gli autobus dell’Arpa ti portano ovunque. Partiamo dal sito internet:
http://www.arpaonline.it/
E’ sempre aggiornato e di facile consultazione grazie al motore di ricerca interno al quale si accede cliccando sul “bottone lampeggiante” in alto a sinistra che reca la scritta: “Devi partire? Clicca qui per gli orari”. Ecco, il viaggiatore che sta programmando la sua gita, clicca ed accede ad uno “scrigno di saperi”. Il Motore di ricerca funziona benissimo, basta inserire Partenza e Arrivo, Giorno ed Ora. E’ un tripudio di sensi leggere le proposte di viaggio del motore di ricerca!
Per i non telematici, l’ARPA offre un servizio di Call Center a pagamento che risponde al numero:
199 166 952 (non lo ricordo molto costoso, ma verificate). I particolari sul Call Center sono ben descritti nella porzione dell’home page “Rapporti col Pubblico” in basso a destra. Rispondono degli operatori attenti, preparati e gentili.
Ma bando alle ciance, partiamo!
L’ARPA, sotto la voce: Percorsi Non-Stop, raccoglie corse di collegamento tra le principali città abruzzesi, unitamente a corse interregionali.
Per esempio abbiamo: Pescara – Chieti: 9 corse giornaliere; Teramo – Pescara – Chieti: 4 corse giornaliere ecc. ecc.
Interessanti sono il Pescara – Chieti Scalo – Roma del quale ho contato 11 corse giornaliere feriali e 6 corse giornaliere festive. Pescara – Roma sono circa 2 ore e 50 minuti di comoda autostrada. La fermata di Roma è alla Stazione Tiburtina.
A questa linea, fanno da contorno le “ottime ed abbondanti”: L’Aquila – Roma , Teramo – Roma, Avezzano – Roma e Scanno – Roma.
Ma la “Regina” delle linee interregionali dell’Arpa è la Pescara – Napoli – Salerno.
4 collegamenti giornalieri feriali e 3 collegamenti festivi. La linea parte dal Bus Terminal di Pescara che è nell’enorme piazzale della Stazione Ferroviaria di Pescara Centrale. Il bus ferma a Chieti Scalo – Sulmona – Roccaraso – Castel di Sangro – Colli al Volturno – Roccavindola – Venafro – Caserta – Napoli – Salerno. A Napoli il bus ferma a Piazza Garibaldi, cioè alla Stazione Ferroviaria Centrale (così come a Salerno). Considerate che il Pescara – Napoli prende 4 ore ed attraversa l’Appennino, per lunghi tratti sulla mitica Statale 17 (S.S. 17 dell’Appennino Abruzzese ed Appulo Sannitico Antrodoco (RI) – Foggia). http://it.wikipedia.org/wiki/Strada_Statale_17_dell’Appennino_Abruzzese_e_Appulo_Sannitico
Torneremo sulla Statale 17 di Gucciniana memoria, e come se ci torneremo.
Questo autobus attraversa il “Piano delle 5 miglia”, in zona Roccaraso e scusatemi se è poco.
http://www.abruzzocultura.it/abruzzo/l’altopiano-delle-cinque-miglia
Per concludere sul Pescara – Napoli il biglietto di sola andata costa 21 euro mentre il biglietto di Andata e Ritorno costa 38 euro.
Quello che vi ho raccontato fino ad ora non rende giustizia a questa efficiente compagnia di autolinee della quale il fiore all’occhiello è di certo l’Autostazione di Collemaggio di l’Aquila.
La prima volta che ci sono arrivato mi ha ricordato la mitica autostazione Népliget di Budapest
http://hungarystartshere.com/gen?genid=47141
Da qui si può partire per tantissime destinazioni.
Per esempio si può partire per l’esplorazione della Valle del Fiume Aterno la stessa dove corre la linea ferroviaria Aquila – Sulmona, ma in genere si può comodamente visitare il Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga così come il Parco Regionale del Sirente e del Velino
http://www.gransassolagapark.it/
http://www.parcosirentevelino.it/
Ma facciamo degli esempi di escursioni da L’Aquila in direzione Gran Sasso.
Il Parco Nazionale del Gran Sasso ha di certo in Santo Stefano di Sessanio uno di suoi centri principali, così come a pochi chilometro da questo magnifico borgo sorge Calascio e sua celebre Rocca.
http://it.wikipedia.org/wiki/Rocca_Calascio
http://www.rifugiodellarocca.it/rivista_georafica.htm
Da Calascio poi la strada prosegue per l’altipiano di Campo Imperatore passando Castel del Monte.
Ecco, dal motore di ricerca dell’ARPA scopro che ci sono 5 comodissime corse (Aquila – Castel del Monte) giornaliere feriali, la corsa dura 1 ora e 10 minuti e che il bus, percorre la S.S. 17 fino a Barisciano per poi salire per Santo Stefano di Sessanio, quindi Calascio e Castel del Monte. Il biglietto di sola andata L’Aquila – Castel del Monte costa 3.60 euro.
All’Autostazione di Collemaggio, stazionano anche autobus di altre autolinee come la Paolibus:
http://www.paolibus.it/orari/orari.html
Scoprii la Paolibus quando, una primavera mi recai all’Ecovillaggio Convento San Giorgio di Goriano Valli (AQ).
http://www.conventosangiorgio.it/
Ma i posti raggiungibili agevolmente dall’Autostazione di Collemaggio sono innumerevoli.
L’Aquila – Giulianova: 13 corse giornaliere feriali di cui molte dirette che prendono solo 1 ora e 40 minuti. L’Aquila – Rocca di Cambio (che è uno dei centri più importanti del Parco Regionale del Sirente e del Velino): 13 corse giornaliere feriali di cui 11 dirette che prendono solo 50 minuti passando per paesi di una bellezza unica come Civita di Bagno – S.Felice d’Ocre – S.Martino d’Ocre – Terranera – Rocca di Cambio. Rocca di Cambio è sulla linea L’Aquila – Avezzano e quindi gli stessi autobus diretti, continuano per: Rocca di Mezzo – Rovere – Ovindoli – S.Potito di Ovindoli – Casalmartino – Celano – Paterno di Avezzano – S.Pelino di Avezzano – Avezzano.
Capiamoci: Aquila – Avezzano sono 2 ore di autobus magnifiche! Poi ad Avezzano, l’Arpa ha un’altra Autostazione esattamente dietro la Stazione Ferroviaria, addirittura comunicanti con un tunnel sotterraneo. Ma di Avezzano parleremo un’altra volta.
Vi ho ammorbato con l’Abruzzo? Non sarà l’ultima volta.
Nel prossimo numero andremo in Alto Adige sulla Ferrovia della Val Venosta.
A presto.
Paolo Merlini
Merlini.paolo@gmail.com
P.S. Comunque, per chi sogna la Patagonia, mi permetto di segnalare il sito della Autostazione di Buenos Aires col quale programmare viaggi in tutta l’America Latina.
Estacion de Omnibus de Buenos Aires – Terminal de Omnibus Retiro
http://www.tebasa.com.ar/

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *