Atto vandalico all’Istituto Superiore “F. Caracciolo-G.da Procida”

Dopo l’occupazione portata avanti dagli studenti nella settimana scorsa, che non poche polemiche sulla sua utilità ha sollevato tra genitori e docenti, in particolar modo in quelle classi in cui alcuni insegnanti sono stati nominati dalla struttura regionale competente dopo un lungo e travagliato parto e, comunque, nelle prime settimane di dicembre, l’Istituto Superiore “F. Caracciolo – G. da Procida” vive un nuovo evento non particolarmente felice.
Nella notte tra giovedì e venerdì, infatti, alcuni estranei si sono introdotti nel plesso che ospita le classi del biennio del Nautico e del Liceo, adiacente alla struttura centrale, allagando i bagni e utilizzando gli estintori presenti spandendone il contenuto degli stessi in tutti gli ambienti, di fatto vanificando le operazioni di disinfestazione precedentemente eseguite.
A scuola aperta il dirigente scolastico Maria Saletta Longobardi, pertanto, non ha potuto far altro che interessare la locale stazione dei Carabinieri, i cui uomini al comando del maresciallo Massimiliano Albero sono giunti sul posto per un sopralluogo e accertare il punto d’ingresso dei vandali, così come chiudere provvisoriamente il plesso (avvisando i genitori attraverso un sms che le lezioni erano sospese) per il ripristinare le condizioni di vivibilità.

Potrebbe interessarti

blank

Contratti a tempo determinato personale ATA – PNRR e Agenda Sud arrivano le proroghe ma…

PROCIDA – L’argomento sta tenendo sulle spine miglia di lavoratori del mondo della scuola in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *