Home > politica > Colpo di scena: Eugenio Michelino rinuncia ed in Consiglio Comunale entra Bartolomeo Scotto di Perta

Colpo di scena: Eugenio Michelino rinuncia ed in Consiglio Comunale entra Bartolomeo Scotto di Perta

dino ambrosino intervista2Ennesimo colpo di scena nella politica procidana in questa estate caldissima che non ci sta risparmiando nulla. Dopo le dimissioni di Guseppina (Pina) Cucurullo da Consigliere Comunale, che con il suo bottino personale di 656 preferenze, in larga parte conquistato nella grancia di Chiaiolella, aveva dato una mano rilevante alla causa de “La Procida che Vorrei”, quando tutto lasciava pensare che a subentrarle dovesse essere il primo dei non eletti, l’imprenditore Eugenio Michelino, presidente della locale ASCOM Confcommercio e consigliere nazionale ASSONAT, che ricordiamo era stato candidato alle primarie a sindaco dello stesso raggruppamento lo scorso dicembre, durante il Consiglio Comunale tenutosi ieri sera c’è stato un evento, alla vigilia, del tutto inatteso. Infatti, Eugenio Michelino ha rinunciato ad entrare nel Civico Consesso a favore di colui che lo seguiva nella graduatoria degli esclusi alle elezioni del 31 maggio scorso ovvero il geom. Bartolomeo Scotto di Perta, già consigliere comunale uscente di “Insieme per Procida”. Tra le motivazioni all’origine della scelta, così come sottolineato anche dal Sindaco Dino Ambrosino la volontà di designare Eugenio Michelino alla guida di Isola di Procida Navigando così da mettere a frutto l’esperienza maturata dallo stesso.

Potrebbe interessarti

Procida: Convocata doppia seduta di Consiglio Comunale

PROCIDA – Il presidente Antonio Intartaglia ha convocato due sedute ravvicinate del Civico Consesso. La …

2 commenti

  1. Scusate ma se era così bravo al porto allora se fosse stato eletto direttamente si sarebbe dimesso per andare al porto? Che senso ha averlo candidato allora? E poi che esperienza ha maturato?

  2. peppe marchetti

    antonio quelli con l’esperienza ,come dici tu il porto lo hanno svenduto, e meno male che avevano l’esperienza.ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *