Home > Il parco marino a Procida e le sue contraddizioni

Il parco marino a Procida e le sue contraddizioni

Da La Repubblica del 26 Agosto 2008 – PROCIDA, l’isola più piccola del golfo di Napoli; l’isola de “Il postino” di Troisi; l’isola con un’amministrazione in perenne bolletta, ma con uno stuolo di dipendenti pubblici; l’isola dove si voleva installare un dissociatore molecolare per risolvere in maniera “inusuale” il problema della spazzatura; infine l’isola del parco marino.

Bene, finalmente una buona notizia. Finalmente si fa qualcosa per tutelare il patrimonio marino dell’isola, se non fosse per una serie di contraddizioni presenti anche in questa iniziativa. C’è il parco, ma si continuano ad allevare i tonni in due enormi vasche nel golfo del Carbonchio, nonostante gli allarmi di molte associazioni ambientaliste; c’è il parco, ma intanto continuano a scorazzare a considerevole velocità e spesso molto vicino alla costa migliaia di super gommoni e di motoscafi iperveloci; c’è il parco, ma ai pescatori è stata concessa una deroga che permette loro di continuare a calare le reti nelle acque dell’isola; c’è il parco, ma si rischia quotidianamente di essere decapitati dalle eliche delle imbarcazioni mentre si fa il bagno nel golfo della Chiaia o nelle acque del Pozzo Vecchio; c’è il parco, ma praterie di poseidonie vengono sradicate da numerosissimi ancoraggi selvaggi che non tengono conto neanche delle boe; c’è il parco, infine, sicuramente per i piccoli diportisti isolani, che non possono uscire in barca con lenze ed ami senza incorrere in pesanti sanzioni.

Dunque è la solita storia, c’è il parco per la tutela della flora e della fauna marine, ma senza ledere gli interessi di quelli che hanno pensato per un’isola di circa 4Kmq e per il suo mare un futuro basato sul turismo di massa.

Margherita Scotto

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *