Motonave Splendid
Motonave Splendid

Ischia: Evacuazione medica di un passeggero, tratto in salvo dalla Guardia Costiera

ISCHIA – Alle ore 02:40 di oggi una Nave passeggeri in servizio di linea ha dovuto virare in direzione delle coste di Ischia per chiedere assistenza. A bordo vi era infatti un passeggero di circa 50 anni di nazionalità italiana,  colto da un improvviso malore.

La Motonave “Splendid” (Lunghezza 215 mt. stazza lorda 6875 tonnellate) battente bandiera Italiana, era in viaggio dal porto di Tunisi da dove era salpata e stava viaggiando in direzione di Civitavecchia quando il personale di bordo ha lanciato la richiesta di assistenza.

Sotto il coordinamento della Superiore Capitaneria di Porto di Napoli, la motovedetta SAR della Guardia Costiera di Ischia CP807 ha raggiunto la nave sita a circa 45 miglia nautiche a  Sud Ovest al largo dell’Isola d’Ischia. Raggiunta la nave, l’equipaggio ha provveduto al trasbordo del passeggero e dell’equipe medica di bordo e al loro successivo trasporto nel Porto di Napoli. Vista la situazione in atto, la navigazione è stata sospesa momentaneamente per poter gestire l’emergenza.

Ad attendere in porto l’arrivo della Motovedetta della Guardia Costiera c’era un ambulanza del servizio 118 che ha prestato i soccorsi del caso. Il passeggero, assistito dal personale di bordo e dal medico, è sempre rimasto cosciente. Una volta sbarcato in banchina è stato poi trasportato all’ospedale Loreto Mare di Napoli.

Solo con il successivo ritorno del medico di bordo, la Nave ha potuto riprendere la navigazione per il successivo scalo.

 

Potrebbe interessarti

blank

Procida, Dirigenti del Distretto Rotary al progetto Sopra alla Terra – Terra Murata

PROCIDA – Attivato dal Rotary Club Isola di Procida il progetto distrettuale “Sopra alla Terra: …

Un commento

  1. Perché la persona colta da malore ha dovuto essere accompagnata dal medico di bordo della nave?
    Non c’era un medico del 118 di Ischia sull’unità della CP . Evidentemente l’operazione è stata coordinata dalla sola Capitaneria di porto senza interessare il 118 regionale; ciò è segno che occorre un maggior coordinamento tra le strutture operative.
    La nave, infatti, avrebbe potuto riprendere la navigazione subito dopo lo sbarco del soggetto colto da malore e non attendere il rientro del medico a bordo, senza limitare l’assistenza all’assistito che è stato portato a Napoli, invece di Ischia (altra conseguenza del mancato coordinamento).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *