Procida. Borrelli, commissario regionale dei verdi: "l'Area Marina Protetta è meglio scioglierla"

Sull’operato e gestione dell’AMP ci sono state molte critiche: un’esempio per tutti, il manifesto affisso per le strade dell’isola lo giugno scorso: “ Regno di Nettuno un nuovo sistema di potere mascherato da parco marino. La politica è complice gli isolani vittime”. Recenti anche gli interventi del commissario regio­nale dei Verdi Francesco Borrrelli che chiarisce: “ C’è un solo modo per salvare l’ Area Marina protetta di Ischia e Procida, ed è quella di cambiare totalmente gestione. Preannunciando, che invierà un dossier alla Corte dei Conti, che dovrà verificare gli atti amministrativi e contabili del Regno di Nettuno, concludendo: su questo noi ambientalisti non arretreremo di un millimetro e alle denunce querele annunciate del Presidente rispondiamo solo che ci confronteremo in tribunale”.

Del presidente nazio­nale dei verdi On. Angelo Bonelli, che ha presentato un esposto alla Procura, affinché: ” indaghi sulla gestione del Regno di Nettuno. Una gestione, secondo noi, sbagliata con regolamenti incredibili tipo quello che permette l’ ancoraggio solo alle barche che spendono sulle isole d’ Ischia e Procida”. Molte anche le critiche espresse dal presidente dell’Unione nazionale armatori da diporto Lino Ferrara, sulle modalità di ancoraggio, il rilascio di autorizzazioni a pagamento, come anche l’ancoraggio delle imbarcazioni che spendono sui territori delle due isole di Ischia e Procida. Intanto l’Ufficio Ragioneria del comune di Forio, con nuo­va determina n.111 del 20 lu­glio ha prorogato la preceden­te, per il pagamento da parte del Consorzio degli stipendi al direttore dell’ Amp dr. Riccardo Strada per il pe­riodo dal 1 luglio al 31 ottobre, per la somma complessiva di euro 26.137,69. Sulla disponibilità dei locali per la sede, telefono e disbrigo degli atti da parte degli uffici, il consigliere di opposizione Antonio Trofa continua a ri­levare che il Consorzio nulla paga al comune di Forio. Si vede che gli amministratori avranno le loro ragioni per non chiedere nulla… Cerca un particolare impegno a salvaguar­dia dell’ambiente marino, afferma il sindaco Regine, peccato che lo stesso ambiente marino venga inquinato dallo sver­samento in mare attraverso i tubi di strutture private autorizzate dagli amministratori che pullulano lungo le coste foria­ne. L’ultimo intervento, è stato invece del sindaco di Ischia Gio­si Ferrandino, che vuol veder­ci chiaro sulla vicenda della cartellonistica e il 25 agosto ha scritto una nota indirizza­ta al Consorzio, al presidente e al direttore dell’ Amp aven­te ad oggetto: «Apposizione cartellonistica AMP Regno di Nettuno territorio dell’iso­la d’Ischia. Procedura per la scelta del contraente. Impegni di spesa. Anomalie. Richiesta di chiarimenti».

Nella nota si legge che nel corso dell’assemblea del 19 e 21 agosto «lo scrivente ha appreso che l’Amp intende procedere all’apposizione di cartellonistica sul territorio dell’isola d’Ischia. Si chiede di conoscere la proceduta adottata per la scelta del con­traente, l’importo della fomi­tura e/o servizio, la delibera del CdA che ha autorizzato l’assunzione dell’impegno di spesa e/o l’atto determinativo del direttore con il quale si è proceduto all’ assunzione di tale impegno; nonché la data di apertura delle buste con­tenenti le offerte/preventivi, qualora si sia proceduto alla loro richiesta. Si chiede altresì ­

di conoscere se risultano rilasciati titoli abilitativi, anche di natura paesistica, previsti per l’apposizione di cartello­nistica sui territori dei comuni dell’isola d’Ischia. Nelle mo­re dei richiesti chiarimenti si chiede in sede di autotutela di sospendere ogni eventua­le determinazione di paga­mento e/o atto conseguente all’incarico affidato, al fine di evitare danni anche di natu­ra erariale al Consorzio». Fin qui la nota dai toni forti, del primo cittadino d’Ischia, dalla quale emerge una “mancanza di comunicazione” fra CdA e Consorzio. Intanto per la cronaca il nuovo cda non può più comprendere più di 5 membri contro gli attuali 7.

I sindaci di Ischia, di Lacco ameno e Casamicciola hanno diffidato il presidente del consorzio regno di nettuno, area marina protetta a revocare o annullare la delibera del consiglio di amministrazione che approva la sponsorizzazione e il patrocinio ad un evento musicale; che si dovrà tenere il 16 settembre prossimo a Forio presso il piazzale del soccorso con finanziamento a carico del consorzio.

Regno di Nettuno
Direttore generale dr. Riccardo Strada
Consiglio di amministrazione:
Presidente dr. Albino Ambrosio, vice pres. Claudio Vuoso
consiglieri: Antonio Spignese,Rosa Raia, Pasquale Saurino, Bruno Iacono

FONTE: WWW.ISCHIABLOG.IT

Potrebbe interessarti

Boa intelligente Amp Regno di Nettuno

Una “boa” intelligente per misurare la temperatura del Regno di Nettuno

PROCIDA – La temperatura del mare in superficie, a 15 e a 30 metri di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *