Home > disagi > Procida: Cascone interroga sui ritardi nel pagamento dei voucher sociali per i servizi di prima infanzia

Procida: Cascone interroga sui ritardi nel pagamento dei voucher sociali per i servizi di prima infanzia

mariano casconeProblematica di carattere sociale, rilevante soprattutto in tempo di crisi, quella posta dall’avv. Mariano Cascone, de il gruppo “La Svolta”, che in interrogazione a risposta orale in Consiglio Comunale chiede di conoscere le motivazioni del ritardato versamento agli aventi diritto dei voucher sociali per i servizi alla prima infanzia.

“L’Ambito Sociale N13, cui fa parte il Comune di Procida – scrive Cascone –  ha promosso un avviso pubblico per l’attribuzione di voucher sociali per la prima infanzia al fine di acquistare posti in asili nido e/o strutture similari.

Già nel mese di luglio 2013 veniva pubblicata la graduatoria degli aventi diritto sulla scorta degli oggettivi criteri di valutazione indicati tassativamente nell’apposito bando. Ad oggi, con l’avanzato avvio delle attività scolastiche e sociali, tali voucher non sono mai stati materialmente forniti agli aventi diritto con notevole disagio specie per quelle famiglie che possono unicamente contare su tale contributo sociale per poter mandare i bambini al nido.

Che tale situazione, per le famiglie particolarmente indigenti, rappresenta una insopportabile negazione del diritto alla socialità dei loro figli non più tollerabile. Che è stato comunicato al sottoscritto Consigliere che, pur essendo i soldi disponibili e già in cassa, non è possibile disporne per un non meglio precisato inadempimento da parte della Regione Campania cui le amministrazioni coinvolte non risulta abbiano formalmente avviato alcuna protesta!  Tutto ciò premesso e considerato – conclude il rappresentante de “La Svolta” si chiede di sapere: Come sia possibile un tale ritardo per una prestazione di tipo sociale così delicata in favore, tra l’altro, di bambini; Come sia possibile che, se confermata la circostanza che i soldi sono già arrivati in cassa, questi non possano essere distribuiti agli aventi diritto; Se confermata la responsabilità della Regione Campania, l’A.C. cosa ha fatto per sollecitare la risoluzione del problema; Se l’A.C. è in grado di impegnarsi entro una data certa a risolvere il problema.”.

Potrebbe interessarti

I consiglieri Bartolomeo Scotto di Perta, Carlo Massa e Giovanni Scotto di Perta rimettono le deleghe al Sindaco

PROCIDA – Nelle giornata di ieri, in una nota indirizzata al Sindaco Raimondo Ambrosino, al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *