Home > politica > Procida: Cascone (La Svolta) interroga su wi-fi e antenne

Procida: Cascone (La Svolta) interroga su wi-fi e antenne

mariano casconeTra gli argomenti all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale troveremo due interrogazioni formulate dall’avv. Mariano Cascone, rappresentante de “La Svolta”, che riguardano  la realizzazione di una rete wi-fi gratuita sul territorio e le eventuali implicazioni per la salute umana relative all’installazione di antenne per telefonia mobile in prossimità della scuola elementare.

“Il Comune di Procida è,  ad oggi, – scrive Cascone – privo di qualsivoglia rete pubblica, anche a pagamento, cd “wi-fi” per l’accesso ad internet da parte di privati mediante l’utilizzo di dispositivi mobili. Che l’avvio di un simile servizio rappresenterebbe un utile e valido strumento di ammodernamento infrastrutturale immateriale per la nostra isola.

Che diversi Comuni italiani ed europei hanno attivato reti wi-fi libere, gratuite e senza l’impiego di soldi pubblici, utilizzando anche fonti energetiche alternative, mediante sponsorizzazioni da parte di privati che in cambio potranno trarre profitto inserendo messaggi pubblicitari all’interno della navigazione libera mediante appositi banner.

Simili pratiche, disciplinate dall’art. 43 della Legge 449/97 sulle sponsorizzazioni private in opere ed attività pubbliche, sarebbero fonte di immenso vantaggio per gli utenti residenti e per i turisti ed avventori che avrebbero un ulteriore servizio, utile e tecnologico.

Tutto ciò premesso e considerato SI INTERROGA PER CONOSCERE se l’Amministrazione Comunale ritiene opportuno attivarsi, seguendo l’esempio virtuoso di altri comuni, nel senso indicato nella presente interrogazione.”

Per quanto riguarda le antenne posizionate nelle vicinanze e sulla stessa scuola elementare in Largo Caduti, l’avv. Cascone scrive: “Secondo la attuale normativa in materia di posizionamento ed installazione di ripetitori per la telefonia mobile e radiotelevisiva, tali infrastrutture (le antenne) sono riconosciute di importanza pari alle opere di urbanizzazione primaria (strade, fogne, illuminazione pubblica, ecc.). Esse sono inoltre ritenute compatibili con qualsiasi destinazione urbanistica e quindi possono essere realizzate in ogni parte del territorio comunale.

I Comuni, in ogni caso, possono sempre in via esclusiva definire le aree più idonee all’installazione degli impianti e quelle, invece, da escludere per motivi ambientali e paesaggistici.

La legge n. 198 del 04/09/2002 (cd. legge Gasparri) fissa in ogni caso in 70 metri la distanza minima dei ripetitori dalle abitazioni e che chiama l’ARPA (Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente) a dare l’ok al posizionamento.

Sugli effetti che l’inquinamento elettromagnetico può provocare sulla salute umana, a lungo termine, va precisato che lo stato attuale delle conoscenze è ancora limitato, tanto che non si possono predire effetti nocivi che potrebbero colpire soggetti meno dotati dal punto di vista immunologico, come malati, bambini ed anziani.

Per tale motivo una parte della comunità scientifica, preventivamente, ha suggerito di adottare un  principio di cautela, inibendo l’installazione d’impianti di radiofrequenza nelle vicinanze di ospedali, scuole ed asili.

Anche se vi sono degli studi indipendenti seri e certificati, facilmente consultabili su internet, che associano patologie gravi e rischiose ad una esposizione a lungo termine ai campi elettromagnetici provenienti da simili installazioni.

In pratica, pur non essendoci una univoca evidenza scientifica (che si potrà avere solo tra diversi anni essendo relativamente recenti tali infrastrutture), vi è un verosimile rischio potenziale per la salute umana, specialmente se parliamo di organismi in fase di sviluppo quali i bambini.

Pertanto, sarebbe senza dubbio angosciante per ognuno di noi scoprire tra qualche anno che le onde radio ed i campi elettromagnetici sono rischiosi per la salute umana e fonte di patologie cancerogene, nella orribile consapevolezza di aver potuto fare qualcosa ma di non aver mosso un dito a tutela dei nostri figli e giovani.

Tutto ciò premesso e considerato – l’avv. Cascone – INTERROGA PER CONOSCERE:

La natura di tutte le installazioni radiotrasmittenti poste sul tetto della scuola elementare centrale di Procida; Se per ognuna di esse è agli atti del Comune uno studio, da parte delle società installatrici e/o di organismi pubblici, circa l’impatto delle stesse sulla salute umana; Se vi è agli atti il nulla osta da parte dell’ARPA regione campania; Se, in ogni caso l’Amministrazione, alla luce delle argomentazioni della presente interrogazione, non ritiene più opportuno, a tutela della salute dei bambini e degli operatori scolastici, definire in tempi brevi un regolamento per tali installazioni che escluda categoricamente gli edifici scolastici secondo un principio prudenziale e di buon senso. “

Potrebbe interessarti

Procida: RiforMente – Quando l’Italia tornerà a discutere di Riforme. Se ne parla con Anna Ascani il 4 Maggio

PROCIDA – Sabato 4 Maggio alle ore 11,30 presso la Galleria del Mare (Porto Turistico) …

2 commenti

  1. ma questa interrogazione risulta essere pari pari ad una presentata 20 anni fa da cittadini che si preoccuparono allora (ITALIA 90) di segnalare il problema e che dopo aver combattuto contro muri di gomma incontrando una totale ostilita’ da parte del Comune, sciatteria da parte di chi dovrebbe monitorare tali impianti per la tranquillità della salute pubblica e senza ottenere alcuna collaborazione da parte di altri cittadini e genitori che se ne fregarono altamente del problema e della salute dei propri figli, alla fine dovettero rinunciare dopo anni di battaglie.
    Il problema si ripresenta ogni tanto…..quando si avvicina….il cetriolo!
    Michele

  2. ” INTERROGO…..QUINDI ESISTO….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *