Home > Procida: Giustizia è fatta!

Procida: Giustizia è fatta!

Queste le prime parole con cui l’Assessore al Mare del Comune di Procida, cap. Pasquale Sabia, ci comunica che il TAR ha accolto il ricorso promosso dal Comune di Procida avverso all’Ordinanza n°260/09 del Sindaco del Comune di Ischia, Giosy Ferrandino, con la quale si impediva ai pescatori non residenti nel Comune di Ischia, e quindi a quelli di Procida, di vendere il pescato sulla prua della propria barca nelle zone d’Ischia Ponte definite nella stessa Ordinanza così come, viceversa, si era sempre storicamente fatto.
Come si ricorderà la vicenda aveva innescato nell’estate appena passata, in modo particolare dalle pagine de “Il Golfo”, da una parte un’accesa polemica con toni molto forti tra l’Assessore Sabia e il Consigliere di Amministrazione del Regno di Nettuno, Luca Spignese, dall’altra una serie di rivendicazioni di vari esponenti politici locali, tra questi i rappresentanti del Partito Democratico procidano, secondo i quali ci sarebbe stato un loro intervento ed interessamento verso il Sindaco Ferrandino per rivedere e ritirare il nefasto provvedimento, cosa che si legge anche in alcune note intercorse tra i vari protagonisti ma che, di fatto, non si è mai concretizzata.
Soddisfazione, quindi, quella espressa dall’Assessore Pasquale Sabia, per il quale il Tribunale Amministrativo Regionale ha preso la giusta decisione annullando un provvedimento “razzista” che rappresentava una vergogna per le comunità di Ischia e Procida da sempre legate da rapporti di lealtà e vicinanza. Almeno in questa occasione, conclude il caparbio assessore al mare Pasquale Sabia, spero che tutti quelli che hanno parlato e sparlato sulla pelle dei pescatori procidani sappiano ammettere i propri errori.

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *