Procida: La Confesercenti chiede iniziative concrete per la difesa degli arenili.

Nei giorni scorsi, e non solo, abbiamo documentato lo stato in cui versano i litorali dell’isola di Procida dopo i recenti eventi meteo marini di questo autunno, sin qui, particolarmente duro. Sull’argomento, registriamo una nota (che di seguito riportiamo) inviata al Sindaco Vincenzo Capezzuto dal presidente della Confesercenti Procida, dott. Pierluigi Taliercio.
“Gli eventi meteorici degli ultimi giorni hanno dimostrato – qualora ciò fosse necessario – l’assoluta vulnerabilità dei nostri litorali i quali, privi di adeguate barriere, sono alla mercé dei marosi che inesorabili corrodono i costoni – rendendoli pericolanti – oltre a trasformare ciò che resta degli arenili in un’enorme pattumiera.
Considerato che proprio sui litorali insistono molte attività turistiche che tanto potrebbero contribuire alla sviluppo turistico del territorio e che invece da anni registrano una inesorabile perdita di competitività dovuta alle sempre più esigue dimensioni degli arenili oltre che alla precarietà delle aziende (sistematicamente distrutte o gravemente danneggiate,durante l’inverno, dalle mareggiate e ricostruite in primavera) riteniamo non più procrastinabile – qualora davvero si ritenga il turismo come unico possibile sbocco economico alternativo alla marineria – la programmazione e realizzazione, in tempi brevi, di opere di protezione dei litorali.
Ciò detto, nel dichiararci disponibile a dare il nostro contributo, dove richiesto dall’Amministrazione da Lei guidata, chiediamo di conoscere quali siano le iniziative e le progettualità che la S.V. ha previsto nel piano annuale e triennale delle opere pubbliche al fine di dare una necessaria risposta alle esigenze di tutela del territorio oltre che di stimolo per gli investimenti privati nel settore.”
La problematica affrontata dal punto di vista delle imprese commerciali investe, invero, tutti i cittadini giacché se il mare sottrae arenile, anche le spiagge libere disponibili diventano sempre più scarse e meno fruibili.

Potrebbe interessarti

blank

Giornata mondiale dell’ambiente: un ambientalismo in movimento per ripristinare gli ecosistemi

La Giornata Mondiale dell’Ambiente 2021 ha come tema il “Ripristino degli Ecosistemi”. Ciò significa fare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *