Home > politica > Scala: Ma non era un obbligo accogliere gli immigrati a Procida?

Scala: Ma non era un obbligo accogliere gli immigrati a Procida?

PROCIDA -Sulla questione immigrati che, prossimamente, dovrebbero essere accolti anche sull’isola di Procida interviene nuovamente il consigliere Menico Scala che, in una nota, scrive: “Qualche giorno fa dagli organi di stampa leggevamo: “Un nutrito gruppo di lavoro da mesi si incontra per approfondire la materia (immigrati da accogliere). Partecipano il ViceSindaco Giuditta Lubrano, l’Assessore Rossella Lauro, le Consigliere Lucia Mameli e Sara Esposito, la Prof.ssa Fortuna Procentese dell’Università Federico II con due studentesse Carolina Traiola e Annalisa Iervasi, le volontarie Avv. Claudia Esposito e Dott.ssa Cristina Meglio”.

Con la delibera di giunta municipale n°89 del 1 giugno 2017, poi, tra l’altro, si legge: ”Il Comune ha interesse nella promozione e sensibilizzazione al tema dell’accoglienza e dell’integrazione culturale alla luce del nuovo servizio di protezione per i richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR) che vorrebbe attivare sul proprio territorio a partire dall’anno 2018”.

Premesso che quanto scritto nella delibera è in netto contrasto con quanti affermano da alcuni amministratori locali, ovvero che ci fosse “una imposizione” da parte del Prefetto, sarebbe opportuno chiarire: Chi, come, quando e con quale atto ufficiale è stato nominato questo gruppo di lavoro, nel quale le “minoranze” consiliari non sono state affatto coinvolte se non in un eventuale valutazione sulla problematica ma nessuna nomina a riguardo; Non pensiamo che ci sia un conflitto di interessi quando, come in questo caso, l’Amministrazione stipula una convenzione con il Dipartimento Studi Umanistici dell’Università Federico II nella quale, tra l’altro, si prevede “un rimborso spese da parte del Comune per viaggi e materiale di ricerca” e l’Università nomina come referente del progetto, guarda caso, la prof.ssa Fortuna Procesentese (la stessa che è componente del gruppo di lavoro) così come non sarà difficile individuare, anzitempo, le “studentesse” che collaboreranno e a cui andranno i relativi “rimborsi spese e viaggi”?”.

Potrebbe interessarti

Procida: Inaugurate le panchine letterarie

PROCIDA – Questa sera in occasione sella prima delle due serate finali della XXX edizione …

Un commento

  1. Un gruppo di lavoro composto da tutte donne!
    Complimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *