Home > politica > Tagli alle spese del Comune di Procida

Tagli alle spese del Comune di Procida

giovanni villanidi Giovanni Villani *

Sono sollecitato da numerosi concittadini a parlare ancora di bilancio, tasse e spese; spero di non annoiarvi ma di fornirvi un contributo per la migliore comprensione dei fatti!

Mai la nostra Comunità ha avuto una tale quantità di dati ed informazioni a disposizione per provare a comprendere come vengono spesi i nostri soldi e quale contributo ognuno di noi può e deve dare per migliorare la situazione.

In particolare nei giorni scorsi ho risposto su Facebook ad una domanda relativa alla riduzione delle spese comunali di oltre 650.000 euro indicata dal  Sindaco Ambrosino per il 2015: un intervento “storico” sul bilancio del  Comune.

Riprendendo l’intervento che ho fatto il 12 luglio u.s. in una pubblica assemblea (su Il procidano c’è anche la registrazione), riepilogo sinteticamente le principali voci di spesa che taglieremo perché improduttive e le principali voci di spesa che razionalizzeremo per continuare ad erogare i livelli di servizi essenziali delibera di Giunta N. 133 del 23.07.2015delibera di Giunta N. 133 del 23.07.2015delibera di Giunta N. 133 del 23.07.2015:

  • dare seguito ai prepensionamenti/collocazione in quiescenza di oltre 10 dipendenti comunali, processo avviato dalla precedente Amministrazione con un saving stimato in oltre 185.000 euro rispetto al 2014;
  • risoluzione delle 3 convenzioni con Studi legali, che forniscono pareri con un saving annuale stimato di oltre 134.000 euro;
  • riduzione del 5% del valore dei contratti di fornitura in essere con rinegoziazione dei servizi sottostanti. Questo saving era possibile fin al 1 luglio 2014, come ha peraltro evidenziato anche il Revisore dei Conti. Questa Amministrazione ha deciso di farne oggetto di una delibera di Giunta;
  • riduzione del 15% del valore dei contratti di locazione immobiliare passiva; per questo saving c’era un obbligo di legge fin dal 1 luglio 2014;
  • riequilibrare le entrate con le spese del servizio di mensa scolastica che nel 2014 ha evidenziato un anomalo squilibrio di oltre 63.000 euro che stiamo approfondendo;
  • ridurre i costi della politica, cominciando dalla revisione delle indennità degli Amministratori;
  • ridurre il costo del personale incidendo, tra l’altro, sul lavoro straordinario ed altri istituti c.d. “discrezionali”;
  • azzerare i contributi diffusi “a pioggia”; azzerare le spese di rappresentanza e missione;
  • razionalizzare le linee telefoniche e ridurre la spesa aderendo alle nuove offerte commerciali;
  • ricondurre in capo alla SAP le spese di fornitura di energia elettrica rimaste fin ora a carico del Comune per oltre 120.000 euro/anno;
  • rivedere i costi di noleggio delle fotocopiatrici, centralizzando le stampe (per l’anno 2014 sono state fatte oltre 500.000 stampe) oltre che riducendole;
  • razionalizzare l’utilizzo delle dotazioni informatiche, contenere consumi di carta per fotocopiatrici e stampanti;
  • razionalizzare l’utilizzo delle autovetture di servizio e dei beni immobili ad uso abitativo (delibera di giunta 133 del 23 luglio 2015).

Stiamo analizzando, inoltre, ogni comportamento che comporti una spesa (ovvero un’entrata) per provare a migliorarlo. Non è più possibile sentire dire “ si è sempre fatto così”, non sono più accettabili comportamenti disfattisti o piagnistei, la rabbia ed il rancore non portano da alcuna parte, è il tempo di agire, consapevoli che il cambiamento in corso è un’opportunità da cogliere! Pertanto colgo l’occasione per rinnovare l’invito a rendersi disponibili per collaborare.

*Consigliere Comunale delegato al bilancio e patrimonio

 

Potrebbe interessarti

Menico Scala: Scuola e sanità nell’abbandono

PROCIDA – In una nota diffusa nella giornata di ieri, il consigliere comunale del gruppo …

3 commenti

  1. Amministrazione significa amministrare parte di quello che lei dice l’ha predisposto la precedente amministrazione voi fate bene a ridurre gli sprechi ma aumentare le tasse ora che tutti parlano di diminuirle perche’ proprio non se ne puo’ piu’ voi le aumentate e’ vergognoso e odioso qual’e’il vostro merito ……..???????

  2. Giovanni Villani

    Anche il bilancio comunale, come quello di un’azienda o di una famiglia, deve essere in equilibrio, intervenendo sia sulle spese,sopratutto, sia sulle entrate ( per la Tasi nel 2015 l’aliquota passa dal 2 al 2,5 per mille a fronte di un livello massimo richiesto” del 3,3 per mille senza detrazioni”). Inoltre per la prima volta a Procida sono stati attivati controlli ed accertamenti sul versante entrate, incrociando i dati disponibili nei vari data-base del Comune con quelli comunicati dai cittadini ovvero riscontrati o i corso di riscontro con sopralluoghi. Se quest’azione darà i risultati attesi, pagheremo tutti per pagare meno.
    In questo scenario, con debiti( e non massa passiva! ) certi, liquidi ed esigibili al 4 agosto us di circa 29 milioni di euro di cui una quota diluita nel tempo, attendiamo le determinazioni della Corte dei Conti a settembre pv sullo stato di attuazione del secondo semestre 2014 del Piano di predissesto.

    • Le sue spiegazioni al cittadino interessano poco non si giustifica l’aumento delle tasse lo avete decretato appena insediati e non e’ un buon segno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *