Home > associazionismo > A Piacenza tradizionale cena con gli amici di Procida

A Piacenza tradizionale cena con gli amici di Procida

africa missionIl prossimo 14 novembre, come oramai tradizione, un gruppo di procidani si recherà a Piacenza, unitamente alla band Pro Music, per partecipare alla oramai tradizionale cena annuale organizzata da Africa Mission Cooperazione e Sviluppo che vedrà i prodotti tipici dell’isola di Graziella (pesce, limoni, lingua di bue) quali ospiti particolarmente graditi. L’occasione, oltre per rinsaldare il forte legame che si instaurato da anni tra le due comunità, sarà propizia anche per fare il punto della situazione sui progetti che l’associazione mette in campo. Da questo punto di vista  si è conclusa domenica primo novembre la “Prima Fiera dell’Agricoltura e del Commercio” (“Karamoja” 1st Agricultural and Trade Fair 2015), inaugurata a Moroto (Uganda) il 26 ottobre.

Alla manifestazione hanno partecipano diverse imprese locali, provenienti da varie parti del Paese, e 22 organizzazioni no-profit operanti in Karamoja. La fiera è la prima esperienza del genere nella regione ed è il segno di un percorso di “sviluppo” che è stato avviato in Karamoja negli ultimi anni e segna l’inizio di una nuova fase storica nella vita di questa poverissima regione del nord-est dell’Uganda. Anche Africa Mission Cooperazione e Sviluppo ha partecipato all’evento per mostrare le attività che vengono svolte grazie ai progetti di sviluppo realizzati nella regione.

In particolare sono stati presentati i risultati del progetto biennale  “Gateway” realizzato nell’ambito delle attività educative del Centro Giovani “don Vittorio”  di Moroto.  Il progetto è iniziato nel 2013 con l’obiettivo di portare avanti per 18 mesi un piano di sviluppo diretto ad aiutare i giovani del nord Uganda ad inserirsi nel mondo del lavoro più facilmente, tramite la frequentazione di corsi di formazione. Si tratta di un progetto molto ambizioso con lo scopo di offrire gratuitamente la possibilità a 2100 giovani di apprendere i rudimenti di un mestiere, dando ai più dotati anche un sostegno post diploma della durata di circa sei mesi.

Il percorso è stato realizzato all’interno del Comunity Development Centre “don Vittorio” di Moroto ed ha coinvolto anche tre istituti scolastici locali, posti in tre diversi distretti del Karamoja: il Kaabong Technical Institute, il Moroto Technical Institute e il Comboni Polytechnic Institute di Naoi.

A seguire il progetto “Gateway” ed organizzare la partecipazione del Movimento di don Vittorione alla Fiera dell’Agricoltura e del Commercio di Moroto è stato Kul Chandra Timalsina, collaboratore nepalese, che ha dichiarato: “Siamo ormai alla conclusione del progetto e i risultati finali sono davvero soddisfacenti: un 30% di questi giovani ha avviato un’attività in proprio (piccola officina, negozio con medicine per animali, produzione di cibo e dolci), un 60% ha trovato un lavoro nelle imprese che sono arrivate in Karamoja (nel settore edile e commerciale) o nelle organizzazioni umanitarie presenti, e alcune ragazze hanno aperto un piccolo “asilo nido”. Solo un 5% non è riuscito a mettere a frutto gli insegnamenti dei corsi, mentre il rimanente 5% ha deciso di continuare gli studi”.

Un progetto che per Africa Mission-Cooperazione e Sviluppo suggella, da un lato, un percorso di impegno in favore dello sviluppo del Karamoja iniziato nel 1972, e dall’altro, costituisce un nuovo punto di partenza per affrontare le nuove e impegnative sfide che nel futuro aspettano il popolo della Karamoja e, in particolare, i suoi giovani.

Un importante risultato raggiunto grazie all’impegno e alla passione che Kul mette nel suo servizio – ha aggiunto il direttore Carlo Ruspantini, presente all’apertura della manifestazione – ma raggiunto soprattutto grazie al lavoro del gruppo di volontari e collaboratori, italiani e locali, che con la loro presenza e il loro entusiasmo continua a portare avanti il messaggio di solidarietà lanciato da don Vittorione 43 anni fa”.

Potrebbe interessarti

Procida: Selezione di un soggetto attuatore per le attività di co-progettazione e successivo affidamento dei servizi di accoglienza integrata per i richiedenti protezione internazionale

PROCIDA – (c.s.) Il Comune di Procida intende proporre, entro le scadenze utili prefissate dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *