Home > politica > Dino Ambrosino:”Non sono d’accordo con il sorteggio degli scrutatori e vi spiego il perché”

Dino Ambrosino:”Non sono d’accordo con il sorteggio degli scrutatori e vi spiego il perché”

dino ambrosinoNON SONO D’ACCORDO CON IL SORTEGGIO Premetto che la mia posizione personale può essere mediata e si può uniformare alla decisione che si vorrà prendere con gli altri. Aggiungo che se il PCMIL di Savio o il M5S di Procida vorranno fare una coalizione politica insieme a noi sono disposto a sostenere questo loro cavallo di battaglia. Personalmente però sono contrario al sorteggio. 1) Per tutti i lunghi anni in cui si è svolto il sorteggio ho sempre sentito la lamentela che c’erano sempre gli stessi scrutatori. Questo accadeva, e può riaccadere, perchè tra i sorteggiati ci sono tante persone non interessate che non si presentano ai seggi. In tali casi gli ADDETTI AI LAVORI, conoscendo in anticipo le situazioni, consigliano ai soliti noti di presentarsi nei seggi incompleti. Con il risultato di vedere prevalentemente sempre le stesse facce. 2) Il sorteggio è un meccanismo completamente ARBITRARIO, tanto ingiusto che gli stessi proponenti sostengono che andrebbe corretto con la selezione degli scrutatori tra i disoccupati. Ora, considerato che i proponenti non si sono presi la briga di indicare quali candidati sono disoccupati, e questo dato non è in possesso del Comune, non si capisce in che modo dovrebbe avvenire la selezione. Nè, se fosse fatto questo lavoro, lo stato di disoccupazione sarebbe sufficiente ad indicare una situazione di indigenza. E’ tecnicamente disoccupata anche la moglie casalinga di un Comandante. 3) In fin dei conti stiamo parlando di un impegno per il quale si guadagneranno, in tutto, poco più di 80 euro. Considerato che nel nostro Paese oggi sono considerati un’inutile elemosina 80 euro al mese, mi sembra proprio TANTO RUMORE per nulla. 4) Lo sforzo del nostro gruppo politico sarà quello di indicare, in coscienza, persone a cui può dar sollievo questo piccolo impegno. Non facciamo clientela, la cifra è ridicola e non ci compriamo nessuno, siamo inoltre costretti a dire molti più NO che SI. Cercheremo di indicare quelli che conosciamo essere realmente disoccupati e cercheremo di volta in volta di coinvolgere persone nuove. Spesso le scelte giuste passano non attraverso la burocrazia, ma con l’affidamento a chi sta nelle Istituzioni con responsabilità. Noi crediamo nel nostro buon senso e certo non ci possiamo sentire sul banco degli imputati di cattiva politica.

Potrebbe interessarti

Entro novembre le iscrizioni all’Albo comunale degli Scrutatori di seggio elettorale

PROCIDA – Il Sindaco Raimondo Ambrosino invita coloro che sono disposti ad essere inseriti nell’apposito ALBO …

3 commenti

  1. Caro Dino lo sai benissimo da te che il m5s non fara mai nessuna alleanza e mai appoggerà nessuna lista civica. La nostra linea è chiara, demarcata e non esistono compromessi. Il compromesso di una politica al ribasso per le larghe intese non le facciamo nemmeno a livello locale.
    Altro sono le collaborazioni sui progetti singoli a cui il movimento è sempre aperto. Quindi la tua affermazione sul sostegno alla nostra idea se ci alleiamo è come dice Davide del tutto scorretta e non rispettosa del metodo e della filosofia del M5S. Le idee o si condividono o non si condividono. Non si sostengono in funzione meramente elettorale.
    Sulla nostra proposta dico che, i meccanismi tecnici per avere un sorteggio regolare e che non determini i rischi di cui parli te, ci sono. Si possono studiare anche in modo collaborativo aggiungo. Qui nessuno cala dall’alto nulla. Il movimento funziona in modo orizzontale e partecipativo . Poi non dobbiamo essere noi M5S a indicare chi sono i candidati disoccupati. L’invito era All’Amministrazione che ha gli strumenti per reperirli sicuramente in modo chiaro senza equivoci. Poi a voi opposizioni chiedevano di valutare il semplice sorteggio. Cosa chiara nel post e che ribadisco. La proposta è valida sempre e adottabile anche alle prossime consultazioni. Sta sul tavolo. Discutine con il tuo partito e lista civica.

  2. Mi sembra

    che il sorteggio sia una cosa normale,non ci sono intermediazioni e va bene cosi.

    So benissimo che il Partito Democratico,tutto è tranne che democratico,si vede dalla legge elettorale che hanno presentato che non da la possibilità di scegliere i candidati

    e, di conseguenza,Ambrosino vuole scegliere lui chi e come… troppo bello…

  3. Emilio Di Meglio

    Sono d’accordo con Dino. Meglio scelte basate su onesti principi e sul buon senso che macchinose estrazioni a sorte che premiano poi i soliti smanettoni 18enni o 70enni. Il compenso poi è ridicolo rispetto alla mole di lavoro e alla responsabilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *