Home > Domani 6 febbraio. Marcia della Rabbia Degna di Chiaiano e Marano

Domani 6 febbraio. Marcia della Rabbia Degna di Chiaiano e Marano

Amianto, devastazione ambientale, rischi per la salute….
Le nostre ragioni.
Le loro infinite bugie !!

Oltre tre mesi fa il Presidio permanente contro la discarica di Chiaiano e Marano aveva documentato, reso pubblico e denunciato alla magistratura il ritrovamento di ingenti quantita’ di amianto sversate abusivamente all’interno della cava del poligono, chiedendo l’immediato blocco dei lavori e la bonifica dell’intera area. Da mesi stiamo denunciando con il supporto
di documentazione scientifica l’inidoneita’ della cava per l’allestimento di una discarica a causa del dissesto idrogeologico, chiedendo di fermare i lavori.

In poco piu’ di un mese le nostre ragioni sono diventate piu’ che mai evidenti come le bugie senza fine del governo Berlusconi e del sottosegretario Guido Bertolaso. I continui crolli all’interno della cava, i continui allagamenti ci raccontano di come la natura si sti a ribellando ai piani di speculazione di Bertolaso e Berlusconi. In piu’ occasioni infatti la cava ha ceduto a crolli e smottamenti del terreno che hanno causato i noti rinvii dell’apertura a dicembre ed a gennaio, fino a portare oggi il governo a non saper indicare una data precisa per l’apertura del sito, sintomo di come 10 mesi di lotta continuano a bloccare il governo.

Ma cio’ che ha davvero dell’incredibile e’ lo stanziamento comunicato in questi giorni, di 850 mila euro per la bonifica della cava dall’amianto decisa dal governo.
Avevamo ragione noi !!
Da mesi chiediamo il blocco dei lavori e la bonifica dell’area, ed oggi il governo, dopo che per mesi abbiamo respirato l’amianto liberato nell’aria grazie allo spostamento fatto dall’esercito del generale Giannini, ci viene a dire che la bonifica dell’area e’ indispensabile! Una vergogna come l’immobilismo della Procura della Repubblica di Napoli che ha avuto tutto le
prove necessarie per fermare i lavori e chiedere l’immediato avvio della bonifica e non l’ha fatto, nonostante le denunce, i sopralluoghi tecnici, le immagini inequivocabili raccolte dagli attivisti del presidio permanente.
Segno questo di una squallida complicita’ che oggi vede insieme governo, enti locali, magistratura, e confindustria nello spartirsi il grande affare dei rifiuti in Campania, chi attraverso i finanziamenti dei Cip 6, chi attraverso i soldi contanti, chi garantendo impunita’ a chi distrugge i territori.
La recente visita a Bruxelles del Comune di Marano e di una delegazione di cittadini ha illustrato alla direzione generale ambiente della Commissione europea i materiali raccolti in questi mesi in particolar modo rispetto all’amianto ed alla necessita’ di bonificare un’intera area che e’ stata soggetta al fenomeno dello sversamento dei rifiuti tossici. E’ evidente che
la mossa del governo di stanziare 850 mila euro per la bonifica dell’area venga dopo l’ulteriore denuncia delle nostre comunita’.

Un vergogna che dimostra ancora una volta come la discarica non ha nessuna ragione di esistere su questo territorio. Il prossimo 6 febbraio i deputati al parlamento europeo che stanno sostenendo la lotta delle comunita’ di Chiaiano e Marano entreranno all’interno della Cava del Poligono con una delegazione dei cittadini. L’ultima volta che abbiamo chiesto di poter
vedere cosa accadeva nella cava fu lo scorso 27 settembre nel corso dello Jatevenne Day. La risposta furono le cariche, i lacrimogeni, le botte della polizia, e tanta rabbia accumulata dai cittadini di questo territorio che da 10 mesi lottano contro la devastazione ambientale e contro l’intero piano rifiuti fondato su discariche ed inceneritori.

Il 6 febbraio ad accompagnare la delegazione che entrera’ nella Cava di Chiaiano ci saranno i cittadini resistenti.
Una marcia, dal presidio alla cava, una marcia per la vita, una marcia nel nome delle nostre ragioni, una marcia contro ogni discarica ed inceneritore inutili e dannosi, una marcia della rabbia degna di Chiaiano e Marano !
Facciamo appello a tutti i movimenti della citta’ di Napoli e della Campania, a coloro che si battono contro la devastazione ambientale , ad essere presenti a Chiaiano e Marano il 6 febbraio prossimo alla nostra marcia della rabbia degna, perche’ la nostra lotta e’ anche lo lotta di tutti coloro che credono in un’altro modello di sviluppo possibile e necessario.

Venerdi’ 6 Febbraio ’09

Marcia della Rabbia Degna di Chiaiano e Marano
Ore 13:30 Rotonda Titanic

Presidio permanente contro la discarica di Chiaiano e Marano

Potrebbe interessarti

Pubblicato nella radio del Procidano il Consiglio Comunale del 30 aprile 2014

In questo Consiglio: Esame ed approvazione del rendiconto finanziario 2013; Modifiche ed integrazioni Regolamento Consiglio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *